thumbnail Ciao,

Le caratteristiche di calciatore moderno e un senso del goal innato accomunano la 'premiata ditta' azzurra: 80 reti per il 'Matador', 30 volte a segno lo slovacco.

I tre tenori sono già un lontano ricordo, ormai nella Napoli milionaria imperversa il rock mittel-uruguagio del dinamico duo Hamsik-Cavani. Edinson e Marek, 110 gol in tre anni di vita, calcistica, in comune. 80 goal il sudamericano, 30 lo slovacco. Si capisce bene perché la società partenopea abbia resistito alle tentazioni delle scorse estati

E' evidente il fine lavoro su questi due campioni da parte di Mazzarri che li ha fatti crescere, responsabilizzandoli piano piano fino a farli diventare, come evidenzia la 'Gazzetta dello Sport', due 'top player'. Entrambi rappresentano l’emblema dell’attaccante moderno ed ecco perchè il tecnico non si è opposto alla cessione di Lavezzi: giocatore di qualità, ma poco concreto rispetto agli altri.

La grande operazione di valorizzazione del duo da parte dell’allenatore è stata quella di sviluppare un sistema di gioco che permettesse ad entrambi di esaltare le proprie caratteristiche. Cavani è stato trasformato da attaccante esterno da 10 goal a stagione com’era a Palermo, a punta centrale con licenza di svariare, mentre Hamsik grazie al suo dinamismo può essere sia la chiave per mettere in moto le micidiali ripartenze azzurre.

De Laurentiis ha provveduto a riconoscere ai due ragazzi lo status di 'stelle hollywoodiane' prestate al San Paolo: contratto prolungato al 2017 a 5 milioni di euro a stagione per Edinson che fa il paio con la medesima operazione compiuta un anno fa con Marek: per lui stessa durata temporale, ma paga netta fissata a 3,5 milioni di euro l’anno.

Ma per completare il mosaico, il presidente dovrà blindare Mazzarri e mettergli a disposizione almeno un paio di top player in grado di far compiere il definitivo salto di qualità al Napoli per consentirgli di lottare in pianta stabile sia in Italia che in Europa.

Sullo stesso argomento