thumbnail Ciao,

Berlusconi non è soddisfatto dell'allenatore toscano anche per la gestione dell'attaccante brasiliano, considerato uno dei patrimoni tecnici della rosa rossonera.

Spunta un nuovo retroscena a colorare ancor più di nero la domenica da incubo vissuta da Alexandre Pato: dopo la gara contro la Fiorentina, che lo ha visto protagonista negativo con una prova incolore e un rigore calciato alle stelle, il brasiliano, all'uscita da San Siro, è stato aggredito da un gruppo di tifosi del Milan, infuriati nei confronti dell'attaccante.

Secondo quanto riportato dal 'Corriere dello Sport', il 'Papero', a bordo della propria vettura, sarebbe stato circondato e costretto a fermarsi: da lì una serie di epiteti e insulti, accompagnati da manate e spintoni alla macchina. Un episodio che avrebbe visibilmente segnato il giocatore, che sta attraversando un momento molto delicato.

Oggi a Milanello Pato incontrerà Allegri per chiedere un chiarimento sulla sostituzione avvenuta nell'intervallo della gara contro la Fiorentina, una bocciatura che non ha certo giovato all'umore e all'equilibrio psicologico del giovane brasiliano, che non intende diventare il capro espiatorio del disastro Milan.

Ad Allegri Berlusconi imputa proprio anche un'errata gestione del campione verdeoro, uno dei pochi veri talenti di calibro internazionale rimasti nella rosa rossonera, un patrimonio tecnico da ritrovare e preservare. Se n'è parlato ieri in un vertice tenutosi ad Arcore, al quale hanno preso parte anche la figlia Barbara e Fedele Confalonieri, ma tra gli argomenti c'è stato anche il mercato.

Per gennaio potrebbero esserci tre rinforzi, uno per reparto: un centrale difensivo, un centrocampista e una punta. Yanga-Mbiwa resta di moda nonostante sia vicino al rinnovo, mentre dal Genoa potrebbe tornare Merkel. Davanti il sogno è Balotelli, ma c'è da fare i conti anche con la concorrenza dell'Inter.

Sul fronte partenze previsto l'addio di Robinho: il Santos è pronto ad offrire 8-9 milioni di euro, che sommati al risparmio sugli oltre 4 milioni netti percepiti dal brasiliano rendono l'operazione molto probabile. In bilico anche Boateng, che potrebbe avere richieste dalla Germania, mentre si cercheranno acquirenti per Traorè. Rischia di essere rispedito al mittente anche Zapata, che non ha convinto finora.

Sullo stesso argomento