thumbnail Ciao,

Il presidente del club etneo spegne anche le polemiche riguardo l'esclusione di Almiron: "L'argentino è rimasto fuori per scelta tattica"

Il punto guadagnato in Sardegna contro il Cagliari ha confermato l'11 di Maran squadra compatta, ostica e veloce nelle ripartenze, tutte caratteristiche che fanno guardare il presidente Pulvirenti al futuro con grande ottimismo ed entusiasmo. L'unica nota stonata nel pomeriggio di Is Arenas è stata suonata da Barrientos e dalla sua plateale dispprovazione al momento della sostituzione, episodio non gradito dal patron rossazzurro:

"La reazione di Barrientos? Non mi è piaciuta ma non voglio entrare nell’argomento -
ha dichiarato Pulvirenti dalle colonne de 'La Sicilia' -. Dico soltanto che Barrientos sa perfettamente che da noi ci sono delle regole che vanno rispettate e che lui per quel che ha fatto sarà multato. Stop! Queste sono cose che si discutono nei luoghi deputati e non certo sulle pagine dei giornali".

Nessun dubbio sulla momentanea esclusione di Almiron dalla mediana catanese a beneficio di Biagianti: "Si tratta di una scelta tattica. Del resto, il lavoro che si fa durante la settimana a cosa serve? In passato è toccato ad altri andare in panchina - mi riferisco ad Alvarez e allo stesso Barrientos – questa volta è toccato ad Almiron. Ci sta che l’allenatore decida di farti rifiatare".

Nessun credito quindi all'ipotesi che l'accantonamento del centrocampista ex Juve sia da imputare alle reazioni di Almiron alle sostituzioni: "Almiron sa perfettamente che le sostituzioni fanno parte del gioco, è un professionista e le accetta senza problemi. D’altra parte credo sia una questione di rispetto. Quando tu esci – e parlo in generale, non certo di Almiron – è un tuo compagno che entra. Ed è un compagno che in settimana ha lavorato come te. Anzi, è uno che va encomiato, perché pur giocando di meno dà il massimo negli allenamenti".

Tralasciando le polemiche e occupandosi di calcio giocato, il Presidente Pulverenti ha commentato entusiasticamente il punto strappato a Cagliari: "Un risultato che mi soddisfa. Noi venivamo dal 4-0 alla Lazio e c’era il rischio di pagare l’eccesso di entusiasmo dopo quella batosta rifilata ad una grande. Invece la squadra ha dimostrato un certo grado di maturità, tecnico e caratteriale, andando a fare il risultato in un campo infuocato come quello dei sardi".

Nella prossima giornata di campionato il Catania affronterà il Chievo, per poi passare al delicato derby col Palermo, sfida alla quale Pulvirenti non vuole ancora pensare: "Non guardo ad altra partita se non a quella del Chievo. Posso solo dire che sono molto soddisfatto per quanto fatto fino ad oggi, nella consapevolezza che, per i motivi più svariati, ci manca più di qualche punto. Che quota punti spero di raggiungere a Natale? Non ci penso. Mi basta che il Catania continui a fare quello che sta facendo oggi".

Sullo stesso argomento