thumbnail Ciao,

Zanetti non si sbilancia sul futuro: "Rinnovo? E' presto per decidere. Ko di Bergamo? Ininfluente per la mia Inter"

Il 'Facchetti 2012' al capitano della Beneamata: "Giacinto è stata una delle migliori persone che io abbia mai conosciuto. Spero di poter continuare sul suo percorso".

E' di Javier Zanetti il premio 'Giacinto Facchetti 2012'. Il capitano nerazzurro, che potrebbe rinnovare e giocare con i nerazzurri fino al 2014, ha ricevuto dalla 'Gazzetta dello sport' il riconoscimento dedicato al suo ex presidente.

"Giacinto è stata una delle migliori persone che io abbia mai conosciuto. Spero di poter continuare sul suo percorso", le parole dell'esterno argentino a 'Sky Sport'. "La sconfitta di ieri? Complimenti all'Atalanta per la vittoria anche se l'Inter ha avuto le occasioni per rimediare. Alla fine è arrivata questa sconfitta che comunque non cambia il nostro percorso".

La vittoria contro la Juventus, a suo dire, non è stata vanificata: "No, sapevamo che poteva capitare una sconfitta, adesso dipende da noi riprendere il cammino con una vittoria. Vincere a Torino non è stato poco, si è trattato di un ulteriore miglioramento da parte nostra. Stiamo percorrendo il nostro cammino, potremo anche sbagliare, ma siamo sulla strada giusta. Loro sono campioni d'Italia, noi una squadra diversa che ha fatto tante cose positive in poco tempo. Ci sono i margini per migliorare".

C'è ancora tempo, dice, per affrontare il tema rinnovo: "E' ancora presto, sono tranquillo. Deciderò con allenatore e presidente, valuteremo se sarò disponibile a scendere ancora in campo". In chiusura, un giudizio su Cassano: "E' molto divertente, si è ambientato benissimo ed è contento di essere qui".

Sullo stesso argomento