thumbnail Ciao,

Il designatore dell'arbitri dell'UEFA ha detto la sua sugli atribtri di porta: "Si è cominciato a pensare al loro inserimento causa maggiore velocità del calcio".

Rispetto alle passate giornate, il 12esimo turno di Serie A è stato decisamente meno pressato dalle decisioni arbitrali, dalle polemiche. Un buon segno, ma prossimamente, con tutta probabilità, si tornerà dal punto di partenza.

I cinque arbitri sono ormai una realtà. Realtà voluta dal calcio italiano. Pier Luigi Collina, designatore arbitrale dell'UEFA, ha parlato stamane a 'Radio Uno' proprio riguardo a questa novità della direzione di gara, tra passato, presente e futuro.

"Si è cominciato a pensare a introdurre il supporto degli arbitri di porta perchè le condizioni erano mutate, non solo per la maggiore presenza della televisione ma anche per una per maggior velocità del calcio" ha rivelato l'ex fischietto. "L'obiettivo era ridurre il numero di errori arbitrali, ma eliminare l'errore sul campo campo penso tuttavia sia un'utopia".

Catania-Juventus rimarrà il simbolo dell'errore: "A decidere resta sempre l'arbitro centrale, il fischietto lo ha soltato lui. Quello che è successo a Catania è molto strano, se ne sono dette di tutti i colori. C'è stato molto disagio, è stato un errore grave di un assistente sempre molto bravo: può succedere".

Resta un caso assolutamente a sè e non deve rappresentare la regola: "Ma solo l'eccezione. Nel caso di Catania tutto è passato dal presunto tocco di Lodi, che poteva cambiare tutta la dinamica dell'azione. Da lì si è creata grande confusione, con Maggiani che comunque sin dal principio non aveva visto la regolare posizione di Bergessio, perchè era in evidente confusione. Ma non contiuiamo ad insistere su quel caso, che deve restare isolato".

Sullo stesso argomento