thumbnail Ciao,

Il capitano rossonero nel post-partita: "Dobbiamo ancora assimilare bene questo modulo perché non ci si inventa tutto da un giorno all’altro".

"Pensavamo di essere venuti fuori da una situazione complicata ma questa partita ci ha riportati coi piedi per terra". Schietto e onesto il commento di capitan Massimo Ambrosini nel post-partita di Milan-Fiorentina. Il Diavolo è tornato a barcollare dopo aver dato segnali incoraggianti nelle ultime settimane. La sconfitta contro i viola ha rimesso tutto in discussione.

" Abbiamo commesso due disattenzioni sui goal loro - ha dichiarato il centrocampista ai microfoni di 'Sky' - La Fiorentina gioca bene ma noi potevamo giocare diversamente, con maggiore attenzione e con un migliore atteggiamento, soprattutto all’inizio".

Il Milan ha avuto l'occasione di rimettersi in corsa con il rigore conquistato da Pato nel primo tempo ma il Papero ha vanificato il tutto calciando alle stelle dal dischetto: "Avevamo l’opportunità di pareggiare ma non bisogna aggrapparsi a quell’episodio. Siamo entrati in campo con un atteggiamento sbagliato, poco determinati e poco convinti, e con la nostra situazione di classifica non possiamo permettercelo. C’è poco da fare, bisogna solo lavorare. Pato tira i rigori anche in allenamento, quindi non creiamo un caso". 

La critica di Ambrosini è collettiva: "Stiamo provando questo modulo che ci ha dato soddisfazioni nelle ultime partite ma è un’annata particolare. Dobbiamo ancora assimilarlo bene perché non ci si inventa tutto da un giorno all’altro. Oggi comunque abbiamo fatto poco. Dobbiamo far meglio, fare dei punti e basta, questo è il nostro obiettivo".

Sullo stesso argomento