thumbnail Ciao,

Udinese furiosa con Doveri, Pozzo all'attacco: "Per come ha arbitrato lui, dovevamo solo perdere". Guidolin si unisce al coro: "Sul rigore c'era fuorigioco, netto..."

Il presidente bianconero: "Quello che è successo oggi è sotto gli occhi di tutti. Senza questo arbitro avremmo portato a casa la partita"

In casa Udinese il rocambolesco pareggio contro il Chievo Verona resta indigesto: tante le recriminazioni per l'arbitraggio di Doveri, che ha assegnato due rigori in favore dei clivensi. Dura la reazione nel post-partita del presidente Giampaolo Pozzo: "Quello che è successo oggi è sotto gli occhi di tutti. Non so davvero cosa avrebbe dovuto fare di più l'Udinese per portare a casa punti. Per come ha arbitrato lui, dovevamo solo perdere. Solo il grande carattere di questa squadra ci ha consentito di non uscire da qui sconfitti. Ma da questa esperienza è nato un gruppo compatto che è diventato squadra".

Secondo il presidente dei friulani l'arbitraggio è stato decisivo nell'economia della gara: "La squadra ha giocato su un terreno pessimo. Inoltre veniamo da una partitaccia, un confronto durissimo, deludente. Abbiamo giocato contro una squadra che ha lottato, in forma, che aveva bisogno di punti in casa: in questo contesto non è facile fare quello che si vorrebbe. Io ripeto che senza questo arbitro avremmo portato a casa la partita".

Pozzo ha infine rassicurato i tifosi: "Non devono avere nessuna paura, devono solo pensare a tifare Udinese. Oggi qui sono venuti a sostenerci e questo mi fa piacere: lo zoccolo duro c'è sempre, ed è innamorato dell'Udinese. Proprio come me".

Guidolin in conferenza stampa si è poi accodato alla protesta del paron: "Non aggiungo nulla a quanto ha detto il presidente sul''arbitraggio. Nell'occasione del secondo calcio di rigore del Chievo, io ero lì e mi sembrava impossibile che il guardalinee non abbia visto il fuorigioco. Io ho solo detto che era fuorigioco. Era netto. Delle volte diventa difficile anche per me che voglio sempre aiutare gli arbitri. Io continuerò a farlo, ma non è sempre cosi semplice. Io sono per la tecnologia, ma solo per i goal fantasma. I nostri comportamenti sono l'aiuto che possiamo dare agli arbitri. Mi ero promesso di non farmi più espellere, ma non mi sembra di aver fatto nulla oggi".

Il tecnico bianconero alla fine deve accontentarsi del pareggio: "Noi abbiamo portato a casa il minimo risultato, perchè nel secondo tempo meritavamo di più. Negli ultimi minuti in 10, abbiamo tirato fuori le ultime energie per portare a casa il risultato".

Sullo stesso argomento