thumbnail Ciao,

Mazzarri gongola per il poker del Napoli sul Genoa: "Nella ripresa ci siamo sciolti, finalmente fare forcing paga"

L'allenatore dei partenopei scaccia via i fantasmi della sfortuna: "Nelle ultime due partite la porta non è stata più stregata. Pandev? Ha chiesto lui il cambio, si è fatto male".

Walter Mazzarri scaccia via i fantasmi della sfortuna dopo il poker rifilato dal Napoli al Genoa. Il tecnico partenopeo gongola per la vittoria ottenuta a Marassi e sottolinea come la 'ruota' inizi a girare nuovamente in favore della squadra azzurra.

"Sono contento di come abbiamo giocato - ha detto l'allenatore livornese a fine partita - Nel primo tempo eravamo un po' contratti, mentre nella ripresa ci siamo sciolti e siamo venuti fuori bene. Loro hanno segnato alla prima mezza occasione. Con l'Atalanta abbiamo attaccato anche di più ma la porta era stregata, nelle ultime due partite vedo che ci sta finalmente girando bene. Fare forcing sta pagando".

Gli impegni europei, per Mazzarri, hanno influito sulla prestazione a 'due facce' del Napoli: "Non scordiamoci che abbiamo giocato tre giorni fa, non è facile scendere in campo a distanza di così poco tempo con la stessa adrenalina. Ma sono soddisfatto perchè abbiamo messo in difficoltà una buona squadra come il Genoa".

Sui singoli, il tecnico dice: "Pandev ha chiesto il cambio dopo essersi fatto male, ma Insigne l'avrei fatto entrare a prescindere: avevo intenzione di togliere un difensore e passare al 4-2-3-1, poi l'infortunio di Goran ha cambiato le carte in tavola. Cavani? Non era lucido e si è visto, altrimenti nel primo tempo avremmo fatto goal. Dispiace per il giallo a Behrami, spero che chi lo sostituirà farà bene come lui".



Sullo stesso argomento