thumbnail Ciao,

Ai 63 della clausola rescissoria vanno aggiunti un sostanzioso stipendio e le cifre da riconoscere ai suoi agenti. Ma il PSG, più che il Real Madrid, potrebbe provarci comunque.

Non sarà una quadripletta a una squadra ucraina (di valore, peraltro) a mutare d'un tratto l'opinione che tutti, ormai, hanno di Edinson Cavani: da tempo è un campione fatto e finito, il top player in grado di portare il Napoli a battagliare con le grandi della Serie A. Di conseguenza, il 'Matador' fa gola a tanti. Ma a proteggere gli azzurri c'è la sua clausola rescissoria.

63 milioni di euro: ecco quanto costa l'uruguaiano, fiore all'occhiello di un Napoli tornato competitivo come ai tempi di Maradona. Cifra folle, di questi tempi, ma in fondo proporzionata al valore del centravanti. Se si aggiungono stipendio e cifre da riconoscere ai suoi procuratori, i milioni per stipulare un accordo quinquennale salgono a 120.

Per questo le pretendenti al bomber di Mazzarri hanno fin qui sempre fatto un passo indietro. José Mourinho stravede per lui, ma il Real Madrid non ha intenzione di spendere una simile cifra sul mercato. Potrebbe farlo il pozzo apparentemente infinito della proprietà qatariota del Paris Saint Germain, e non è infatti escluso che i francesi ci provino in futuro.

A goderselo, intanto, è soltanto il Napoli. Con i quattro centri rifilati al Dnipro, giovedì in Europa League, Cavani è giunto a quota 13 reti in altrettanti incontri. Quando non è presente, i partenopei soffrono e rallentano la loro corsa. Segnale lampante dell'importanza unica che l'ex palermitano riveste nella squadra di Mazzarri. Se ne sono accorti tutti, e non solo in Italia.

Sullo stesso argomento