thumbnail Ciao,

Lo stopper argentino parla a ruota libera a due giorni dal match: "E' una partita unica. De Rossi? E' un simbolo, averlo in campo ci darebbe qualcosa in più".

Nicolas Burdisso, di derby, è uno che se ne intende. Da Boca-River a quello di Milano con la maglia dell'Inter, passando per la stracittadina contro la Lazio. Lo stopper della Roma racconta le sue impressioni a due giorni dall'atteso appuntamento che sta catalizzando l'attenzione della Capitale.

"E' una partita unica, da quando uno arriva qui dal primo giorno te la fanno sentire - sottolinea l'argentino a 'Sky' - A Milano è diverso, è uno spettacolo di calcio. Vuol dire tanto, vuol dire di più perchè Roma e Lazio non sono squadre che vincono tanti scudetti, quindi vale come uno Scudetto".

Tanti, i protagonisti in grado di 'accendere' il match: "De Rossi e Totti la sentono questa partita, te la fanno sentire. Per noi avere Daniele in campo è qualcosa in più, sappiamo il livello del giocatore che è, sappiamo come sono gli avversari quando lui c'è, per noi è un simbolo, abbiamo bisogno del De Rossi vero, del De Rossi che trascina tutti noi. Penso che lui abbia la testa giusta in questo momento".

Dai più esperti ai 'deb' del derby: "Sarà molto sentito per gli esordienti, questo si potrebbe evitare perchè a volte mettere tanta passione e tanto cuore in queste partite fa si che ti blocchi, come successo anche a tanti campioni", spiega Burdisso.

Il pericolo numero uno, in casa Lazio, si chiama Miroslav Klose: "Ho tanti ricordi brutti, per il derby e per gli ultimi due Mondiali. E' un attaccante eccezionale, dentro l'area uno dei più forti insieme a Milito del campionato italiano - dice l'argentino - Mi auguro che questa domenica sia la volta in cui possiamo marcarlo come si deve marcare un attaccante di questo livello".

Infine, ecco un giudizio su due suoi possibili 'eredi': "Marquinhos sarà sicuramente uno dei più forti centrali del mondo. L'atteggiamento in campo, la voglia di imparare che ha, l'umiltà con cui lavora... Anche Romagnoli diventerà forte, tutti e due hanno un grandissimo futuro", conclude lo stopper.

Sullo stesso argomento