thumbnail Ciao,

Alessio e Bonucci nella giornata di ieri avevano avuto parole dure nei confronti dell'Inter e dell'atteggiamento di alcuni suoi tesserati.

Nonostante siano passati alcuni giorni ormai dal triplice fischio finale, Juventus-Inter continua a far discutere. Il botta e risposta tra alcuni protagonisti dei due club e le decisioni arbitrali prese dall'arbitro Tagliavento, hanno lasciato dietro di se una scia di polemiche.

Ieri, Angelo Alessio, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida col Nordsjaelland, non si è risparmiato alcune stilettate "Bisogna saper vincere, dovevamo pensar male per il rigore non dato al Catania a San Siro? Credo di no, gli arbitri vanno difesi sempre, non soltanto quando si riceve qualcosa a proprio favore", con Leonardo Bonucci che ha poi rincarato la dose: "La Juventus come società ha uno stile, conservato anche quando è stata messa all'angolo senza vere e proprie colpe. Ma non ha mai detto quanto è stato messo in giro dall'Inter in questi giorni".

Parole che oggi ha voluto così commentare Ignazio La Russa, politico noto tifoso dell'Inter: "Regalerò ad Angelo Alessio e a Leonardo Bonucci un disco in vinile del '67 in cui un giovane Lucio Dalla cantava 'Bisogna saper perdere, non sempre si può vincere, come vuoi e con chi vuoi', dove il 'con chi vuoi' vuol dire Inter e il 'come vuoi' lo sappiamo".

Chissà se saranno queste le ultime schermaglie di una partita che non sembra ancora finita.

Sullo stesso argomento