thumbnail Ciao,

Il patron del club viola nei giorni scorsi era stato durissimo nei confronti della proprietà della Vecchia Signora: "Bisogna proteggere l'Italia da Marchionne e dagli Agnelli".

L'atavica rivalità calcistica tra Fiorentina e Juventus nelle ultime ore ha travalciato i confini dello sport per spostarsi sul piano del sociale e dell'economia.

Aveva cominciato in settimana, dando seguito peraltro ad altre sue recenti dichiarazioni, il patron del club viola, Diego Della Valle, con un attacco durissimo ai vertici della Fiat: "Bisogna proteggere l'Italia da Marchionne e dagli Agnelli. Il Presidente della Repubblica Napolitano e il Premier Monti devono, a questo punto, intervenire e richiamarli al rispetto e al senso di responsabilita che devono al Paese".

Secondo il numero uno della 'Tod's', "il loro continuo comportamento arrogante, contraddittorio e non più credibile, sta creando enormi problemi all'immagine dell'Italia all'estero, e sta mettendo a rischio la buone relazioni che, oggi più di prima, sono indispensabili tra il mondo del lavoro e le aziende".

L'argomento è stato poi toccato anche da Vincenzo Montella sabato in conferenza stampa di vigilia del match contro il Cagliari: "Lo stabilimento Fiat di Pomigliano d'Arco? Conosco benissimo la situazione, mio padre lavorava lì. Chiudere quello stabilimento sarebbe devastante per l'economia di tutta la Provincia. Sappiamo quanto sia dura la sopravvivenza da quelle parti...".

Sullo stesso argomento