thumbnail Ciao,

"Ho rifiutato 3 volte la Juve!" Questo ha dichiarato 'il pibe de Bari' Antonio Cassano. Non voleva essere un soldatino bianconero,ora sta bene all'Inter e vuole giocare il mondiale

Ad Antonio Cassano il bianconero è un colore che proprio non deve piacere. Il talento di Bari vecchia ospite da Fabio Fazio a 'Che tempo che fa del lunedì', ha detto di aver rifiutato la maglia della Juventus per 3 volte. Il 'Pibe de Bari' non voleva essere un soldatino agli ordini di madama Juve. La sua indole libera, bizzosa e a volte incomprensibile non poteva sposarsi con i dogmi bianconeri.

A Fazio, Fantantonio ha detto: "Ho rifiutato tre volte la Juve: lì vogliono solo i soldatini, io devo fare quello che voglio". Come in campo così fuori, il fantasista dell'Inter non vuole ordini e ha proposito dell'avventura che ha iniziato con la nuova casacca nerazzurra ha dichiarato: "All'Inter si sta molto bene. Nel club nerazzurro mi è tornata la voglia di giocare dopo che ho rischiato di morire per il problema al cuore. Dopo vedi le cose in modo diverso, si diventa più responsabili. Spero che Stramaccioni e Moratti prendendomi non abbiano fatto la c.... più grande della loro vita, ma intanto li voglio ringraziare. Non nego però che anche adesso che sono all'Inter dico che mi piacerebbe un giorno tornare a casa alla Sampdoria".

Domani c'è la Nazionale e Cassano sarà spettatore. A lui a cui erano state affidate "le chiavi" degli azzurri nell' Europeo passato, non è arrivata la chiamata di Prandelli e a tal proposito ha così commentato: "Non so perché non vengo convocato, io spero fino all'ultimo di andare al Mondiale. L'unica cosa che mi da fastidio è che della mia mancata convocazione ne sono venuti a conoscenza prima i giornalisti. Io l'ho saputo per ultimo. Poi se salto il mondiale non fa niente, ne ho saltati già tanti...".

FantAntonio ha parlato della sua vita, sottolineando che continuerà a giocare a calcio sin quando avrà entusiasmo: "Continuerò fino a quando avrò entusiasmo, Zanetti può giocare sino a quanto vuole perchè è un grande professionista. Ho inventato tante scuse per saltare gli allenamenti, quella più bella è la pubalgia perchè non ci sono esami facili che la diagnosticano. Preferisco molto di più fare un assist che un goal. Il calciatore più forte del mondo è Messi, molto meglio di Maradona. Spero che il mio prossimo figlio possa essere maschio".

Sullo stesso argomento