thumbnail Ciao,

Il patron rossonero sta pensando di cedere una minoranza del pacchetto azionario ad un gruppo straniero, che possa portare una robusta iniezione di denaro fresco.

Tira aria di rinnovamento in casa Milan. Il deludente avvio stagionale della squadra ha convinto Silvio Berlusconi che urge una svolta. Innanzitutto ai piani alti, progettando la cessione di una parte delle quote ad un gruppo straniero, che possa immettere denaro fresco nelle casse societarie.

Al momento, sono due le piste più accreditate, quella araba e quella russa. Secondo la Gazzetta dello Sport, sarebbe in piedi un progetto di cessione del 30% del club al fondo qatariota che possiede il PSG, con l'obiettivo di ottenere circa 250 milioni di euro da investire.

L'aggancio iniziale potrebbe essere dato da comuni iniziative immobiliari, sulla falsariga di quanto progettato dall'Inter con i cinesi. Il gruppo dello sceicco Al Thani, che verrebbe coinvolto nella costruzione del nuovo stadio (o, in alternativa, nella ristrutturazione di San Siro), sarebbe interessato anche al mercato televisivo, e non a caso ultimamente si è parlato di possibili interazioni tra Mediaset e Al Jazeera.

Galliani, come da copione, ha smentito tutto, anche per quanto riguarda la pista russa, evidenziata invece dal Corriere dello Sport. Il recente viaggio di Berlusconi a casa Putin, infatti, non sarebbe stato soltanto di piacere. Il patron rossonero avrebbe approfittato dell'occasione per intavolare un discorso con il magnate Oleg Deripaska, amico del presidente russo e uomo tra i più ricchi al mondo.

In ballo, secondo indiscrezioni (non confermate, peraltro), ci sarebbero il 30% delle quote e la bellezza di 500 milioni. Al di là delle cifre, con un progetto di questo tipo, per il 'Berlusca' sarebbe un gioco da ragazzi costruire una squadra che possa tornare a primeggiare. Magari con un certo Guardiola in panca...

Sullo stesso argomento