thumbnail Ciao,

Il capitano del Milan, pur non essendo sceso in campo, è stato squalificato per aver contestato alla fine della gara in maniera palese l'operato dell'arbitro Valeri.

Dopo la fine della settima giornata di campionato ed in vista dell'ottavo turno, che avrà come big match quello tra Juventus e Napoli, il Giudice sportivo ha squalificato sei giocatori. Tra coloro che non potranno scendere in campo pur non avendo calcato il prato nell'ultima partita ci sarà il capitano del Milan Massimo Ambrosini.

Ambrosini, secondo quanto riportato dal comunicato, è stato squalificato per "avere, al 47' del secondo tempo, contestato platealmente una decisione arbitrale, uscendo dall'area tecnica ed entrando sul terreno di giuoco; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale".

Gli altri squalificati sono Nagatomo (Inter), Benalouane (Parma) e Lucarelli (Parma), Darmian (Torino) e Ze Eduardo (Siena). Ammende a Milan (8.000 euro), Catania (6.000 euro), Pescara (4.000 euro) e Siena (3.000 euro).

Squalifica e diffida di 5.000 euro anche all'allenatore del Siena Cosmi per "per avere, al 42' del primo tempo, proferito un'espressione blasfema e per avere inoltre ritardato, con atteggiamento provocatorio, l'uscita dal recinto di gioco dopo il consequenziale allontanamento; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale". Un turno di stop anche per il tecnico dell'Udinese Guidolin per "per avere, al 32' del secondo tempo, contestato platealmente una decisione arbitrale, rivolgendo agli Ufficiali di gara un'espressione ingiuriosa; con recidiva".

Sullo stesso argomento