thumbnail Ciao,

Sebastiani ha ricordato qual è l'obiettivo del Pescara: "Noi dobbiamo salvarci e ci sono 8-10 squadre con le quali dobbiamo giocarcela".

Reduce da tre risultati utili consecutivi, due vittorie ed un pareggio, il Pescara ha interrotto ieri la sua bella striscia perdendo tra le mura amiche dell'Adriatico. La compagine abruzzese, è stata battuta da una Lazio che non ha trovato la minima difficoltà ad ottenere il bottino.

Il presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, ha così commentato la prova della sua squadra: "Non sono quelle con la Lazio le partite nelle quali dobbiamo cercare i punti per salvarci. Loro sono una grande squadra e la partita si è messa anche male visto che abbiamo preso subito goal. Non fosse andata così, la partita sarebbe stata forse diversa".

Sebastiani ha ricordato qual è l'obiettivo del Pescara: "Noi dobbiamo salvarci e ci sono 8-10 squadre con le quali dobbiamo giocarcela. Ieri contro la Lazio abbiamo sbagliato l'atteggiamento, era una gara molto attesa e i nostri giovani sono entrati in campo intimoriti. La posizione di Stroppa? Non abbiamo alcun dubbio su di lui".

Infine un accenno al gioiello Quintero: "Rispetto a Verratti è più veloce, Marco è più tecnico. Il primo tira spesso, il secondo la porta non la vede mai, di certo sono due grandi talenti ma io voglio ricordare anche Vukusic, Waiss e Caprari".

Sullo stesso argomento