thumbnail Ciao,

Il centrocampista biancoceleste ha fatto il punto della situazione sulla squadra biancoceleste, fissando come obiettivo possibile la zona Champions League.

Antonio Candreva ritrova la maglia azzurra dopo tre anni dall'ultima volta, grazie anche e soprattutto all'ottimo avvio di stagione della sua Lazio. Lo stesso centrocampista ha parlato del gran momento della squadra, fissando gli obiettivi per la stagione in corso.

Direttamente dal ritiro azzurro, Candreva tiene tutti con i piedi per terra e non parla ancora di scudetto, ma le carte in regola per raggiungere l'Europa che conta ci sono tutte: "Forse è presto per parlare di scudetto ma certo questa è una Lazio da Champions. Non so se possiamo lottare per il titolo anche se l'Inter, considerata in corsa, ha gli stessi punti. Intanto non mi sorprenderei se alla fine arrivassimo in Champions, già la scorsa stagione l'abbiamo sfiorata e con la rosa che abbiamo possiamo puntare a questo traguardo, siamo sulla strada giusta".

Gran parte del merito va a Vladimir Petkovic, arrivato sotto lo scetticismo generale: "È un allenatore che ha portato una ventata di novità e mi ha colpito specie nella cura delle due fasi di gioco, nella ricerca di continuità e nel pretendere sempre massima concentrazione in allenamento".

Nonostante il brillante inizio della Lazio, i riflettori maggiori sono sempre puntati sui diretti rivali della Roma: "In effetti è così e non so spiegarmelo, anche perchè sono due anni che la mia squadra arriva prima dei giallorossi. Noi comunque continuiamo a volare bassi poi staremo a vedere, dopo la sosta ci aspetta un ciclo di ferro, oltre all'Europa League".

Proprio sui giallorossi, Candreva non si è sbilanciato sul caso delle esclusioni di Osvaldo e De Rossi: "Sono scelte del tecnico, non conosco i problemi della Roma". Mentre spende parole d'elogio verso Balotelli: "Più un problema che una risorsa? Direi la seconda visto quel che Mario ha dimostrato finora".

Sullo stesso argomento