thumbnail Ciao,

Stramaccioni si conferma l'uomo dei derby e frena gli entusiasmi: "Oggi abbiamo fatto una grande partita, ma non guardiamo la classifica"

Il tecnico nerazzurro si gode il trionfo nel derby ma tiene i piedi per terra: "Stasera ottimo approccio alla gara, abbiamo saputo anche soffrire. Ma non guardiamo la classifica".

Andrea Stramaccioni non nasconde la propria soddisfazione per la vittoria centrata nel derby contro il Milan ma tiene i piedi per terra e chiede alla sua Inter di proseguire nel percorso di crescita.

Stramaccioni analizza il match ai microfoni di 'Mediaset Premium': "Stasera mi ha colpito il nostro approccio alla partita. Siamo entrati in campo con una rabbia e aggressività senza pari, infatti abbiamo subito trovato il goal".

Quindi il tecnico nerazzurro ammette: "Nella seconda parte del primo tempo il Milan ci ha creato qualche difficoltà. Nel secondo tempo l'espulsione di Nagatomo ha cambiato i piani. ma abbiamo comunque provato a ripartire quando possibile".

Stramaccioni sottolinea soprattutto la crescita evidenziata dai nerazzurri: "Soprattutto nella ripresa abbiamo ritrovato mentalità di saper soffrire tipica della grande squadra. Siamo finalmente solidi dietro, e abbiamo un'ottima organizzazione,  tanto da riuscire a non concedere il palleggio al Milan".

Poi replica ad Allegri, stizzito dall'arbitraggio di Valeri: "Se c'è una squadra penalizzata è stata l'Inter, ma non voglio parlare di arbitri".

Infine Stramaccioni frena i sogni Scudetto dei nerazzurri: "Non dobbiamo guardare la classifica, siamo in crescita e questa è l'unica cosa che conta. Ci sono ancora molte cose da migliorare, lavoreremo duramente durante la sosta".

Sullo stesso argomento