thumbnail Ciao,

L'ex Ds del Palermo: "Giovinco? Ci vorrà un po' di tempo perchè emerga ma sono convinto che farà molto bene. Bisogna solo aspettarlo e concedergli fiducia...".

La settima giornata di campionato presenta la sfida tra Juventus e Siena. E' Giorgio Perinetti a presentarcela analizzando la situazione della squadra bianconera.
 
"Sono innanzitutto contento per Antonio Conte vista la riduzione della squalifica. Gli ho mandato un messaggio in settimana, sarà sicuramente più sollevato. La beffa, invece, rimarrà a me perchè a Palermo, nel giorno del suo rientro, non potrò esser lì. Antonio è un personaggio determinato, vuole sempre vincere e riesce a trasmettere tutto questo alla squadra. Sarà interessante la sfida con Cosmi in panchina, sono entrambi allenatori di carattere", dichiara a 'Tuttosport' l'ex Dg del Palermo.

"Il merito maggiore di Conte è quello di riuscire ad ottenere il massimo impegno da tutti, in particolare da quelli più importanti, in modo da essere esempio per gli altri. In Italia non è semplice, così come non lo è proporre il gioco piacevole che questa Juventus esprime. Quest'oggi credo si debbano guardare dagli inserimenti di Rosina e Ze Eduardo, ma soprattutto da Calaiò. E' un attaccante di razza e si è confermato il bomber letale che pensavo".

Tra i tanti nomi accostati alla Juventus, Perinetti non ha dubbi. "Walcott sarebbe un'autentica manna per questa Juventus. Se arrivasse sarebbe un gran colpo di mercato. Tutti i nomi caldeggiati potrebbero andar bene per i meccanismi di Conte. Certo è che se vai su Van Persie non sbagli mai. Tra i neo-arrivati, invece, vedo bene Giovinco. Ci vorrà un po' di tempo perchè emerga ma sono convinto che farà molto bene. Bisogna solo aspettarlo e concedergli fiducia".








Sullo stesso argomento