thumbnail Ciao,

Il tecnico blucerchiato ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dell'anticipo contro la squadra di Corini: "Conosco molto bene Eugenio, è uno che sa insegnare calcio".

Alla vigilia dell’anticipo di campionato del Bentegodi contro il Chievo, il tecnico della Sampdoria Ciro Ferrara ha parlato in conferenza stampa. Per l’occasione i blucerchiati ritrovano il bomber Maxi Lopez, che ha scontato i turni di squalifica.

“Tutti sappiamo il contributo che Maxi è riuscito a dare nelle prime giornate. – ha sottolineato Ferrara – E' un rientro importante, ma non è l'unico visto che stiamo recuperando anche Tissone. Penso che Maxi dopo le due giornate di squalifica voglia dare il suo contributo a quella che è una causa importantissima per tutti".

Assente, invece, il brasiliano Eder. “Non farà parte della partita. – ha spiegato il tecnico napoletano – Non è convocato e ci auguriamo di recuperarlo per la prossima trasferta di Parma".

Dopo il ko con il Napoli in casa, servirà una reazione in fuoricasa. “Adesso abbiamo due trasferte molto insidiose. – ha osservato Ferrara – E' difficile da poterla interpretare perchè c'è stato il cambio di allenatore e molto spesso i giocatori non hanno più alibi e devono dimostrare il loro valore in campo”.

“Il Chievo comunque è una squadra che gioca bene al calcio, mi aspetto una squadra vogliosa di fare punti e dobbiamo continuare a giocare come stiamo facendo. – ha aggiunto Ferrara – Poi il risultato condiziona tutti i giudizi. Questa settimana noi abbiamo perso ma abbiamo ricevuto giudizi positivi".

Gli obiettivi stagionali non cambiano rispetto alla scorsa settimana. “Io vorrei continuare a vedere la squadra giocare come ha fatto fino ad oggi. – ha dichiarato Ferrara – Questo campionato e queste partite voglio che ci insegnino a essere più smaliziati in certe occasioni, ma c'è ancora tempo per questo".

Contro i gialloblù comunque, Ferrara si attende una reazione dalla squadra dopo il risultato sfavorevole contro il Napoli. "Durante la settimana ho visto un ambiente molto tranquillo e consapevole che domenica si è dato tutto. – ha assicurato – Allo stesso tempo non vuol dire che la tensione sia calata, anzi si sono allenati nella maniera giusta e solo domani avremo la risposta in tal senso".

Battere il Chievo, in ogni caso, non sarà impresa semplice, anche considerato che potrebbe esserci una prova d’orgoglio dopo il cambio di allenatore avvenuto in settimana.

“Eugenio è stato mio compagno di squadra, – ha ricordato Ferrara – lo conosco molto bene. E' un allenatore a cui piace vedere la propria squadra giocare bene, è uno che sa insegnare calcio. Non so se può cambiare qualcosa nell'atteggiamento tattico, ma so che gli è capitata una grande chance e credo che voglia giocarsela nel miglior modo possibile. Conosce bene quell'ambiente e potrà fare delle ottime cose, ovviamente dopo di noi".

Sullo stesso argomento