thumbnail Ciao,

Il club rossonero ha scelto Filippo Ferri, ai tempi capo della Mobile di La Spezia, come nuovo consulente per la sicurezza, voluto espressamente dal presidente Berlusconi.

Nuovo 'acquisto' per il Milan. No, non si tratta di un calciatore, chiamato a risollevare le sorti della squadra dopo un avvio un po' così, bensì di un nuovo consulente per la sicurezza della società, voluto dal presidente Berlusconi. La notizia è che si tratta dell'ex capo della Squadra Mobile di La Spezia, Filippo Ferri, tra i condannati dalla Cassazione per le violenze del G8 genovese.

La nomina è stata resa nota proprio nel giorno in cui sono uscite le motivazioni della Suprema Corte per le condanne dei funzionari di polizia. Dopo l'assoluzione iniziale, Ferri, come altri suoi colleghi, è stato condannato a 3 anni e 8 mesi di carcere, più 5 anni di interdizione dai pubblici uffici.

Il suo avvocato ha fatto sapere che questo non gli impedirà di assumere incarichi di consulenza o di collaborazione. La pena accessoria dell'interdizione ha già fatto perdere a Ferri, nel luglio scorso, l'incarico di capo della Squadra Mobile di Firenze.

Il neo-consulente rossonero, figlio dell'ex ministro Enrico Ferri - eurodeputato di Forza Italia dal '99 al 2004 - non è il primo personaggio provenienti da ambiti extracalcistici chiamato dal club di via Turati. Una scelta che, visto il 'contorno', farà molto discutere...

Sullo stesso argomento