thumbnail Ciao,

Il dirigente viola ha poi esaltato il gioco espresso dalla squadra di Montella fino a questo momento: "Stiamo facendo divertire, con lui rivedo il clima che c'era con Prandelli".

In casa Fiorentina non hanno mandato giù la direzione di gara di Giannoccaro nel posticipo di domenica scorsa contro l’Inter, e non lo mandano a dire. A tornare sull’argomento è stato stavolta l’amministratore delegato Sandro Mencucci, che, come riporta stamane ‘La Gazzetta dello Sport’, ha tuonato contro il fischietto della sezione di Lecce, pur mantenendo toni formalmente pacati.

“Noi non parliamo mai di questi fatti, rientra nel nostro stile. – ha dichiarato – Le polemiche arbitrali non ci interessano. Ma questo non significa che siamo ciechi o scemi. Tutt'altro. Diciamo che per il direttore di gara è stata una giornata storta”.

A non convincere il dirigente gigliato è stata soprattutto la gestione dei falli fra l’una e l’altra squadra. “Non mi è piaciuto quel modo di condurre la gara. – ha ammesso – Prima dell’espulsione per doppia ammonizione del nostro giocatore (Gonzalo Rodriguez, ndr) ce n’era una precedente per un’interista”.

Secondo Mencucci, anche l’argentino Samuel, infatti, avrebbe meritato il secondo giallo per una trattenuta prolungata a Jovetic, ma non è stato sanzionato da Giannoccaro. “Ripeto, non protestiamo mai, – ha ribadito Mencucci – ma non siamo neanche così ciechi”.

Al di là del risultato di San Siro, l’ad viola ha voluto sottolineare il bel gioco espresso finora dalla squadra di Vincenzo Montella. “Stiamo facendo divertire, – ha affermato – siamo soddisfatti. Tanti complimenti a Montella, con lui rivedo il clima che c’era con Prandelli.

E a far parlare di sé per i suoi goal, in questa prima parte di campionato, è anche un ex giocatore viola, quell’Alberto Gilardino tornato in grande spolvero a Bologna, e che tanto potrebbe servire in avanti a questa Fiorentina, che invece se lo ritroverà domenica da avversario.

Mencucci, tuttavia, sull’argomento è categorico: “Sono contento sia tornato ai suoi livelli, lo chiamai per complimentarmi dopo la doppietta di Roma: poi basta. – ha concluso – Non vorrei portargli troppo bene prima di domenica. Voleva tornare a Firenze? Non è vero. È felicissimo a Bologna”.

Intanto, in vista della gara contro gli emiliani, Montella recupera in avanti El Hamdaoui e Della Rocca, mentre bisognerà aspettare ancora per rivedere in campo Alberto Aquilani.

Sullo stesso argomento