thumbnail Ciao,

Gli azzurri hanno fatto meglio in quest'avvio rispetto alle prime sei giornate dei campionati 1986-87 e 1989-90, quelli dei due scudetti. E Cavani ha segnato più di Maradona...

Cinque vittorie su sei partite, miglior difesa, secondo attacco. Quello del Napoli è stato un avvio di stagione da incorniciare. Nemmeno negli anni dei due scudetti, gli azzurri erano partiti così bene. Nell'86-87 gli uomini di Ottavio Bianchi avevano ottenuto tre vittorie e tre pareggi, mentre nell'89-90, con Albertino Bigon in panchina, furono quattro i successi e due i pareggi.

E i vari Maradona, Careca, Giordano e Carnevale non fecero meglio di Cavani, attualmente capocannoniere con 6 reti in altrettante partite. Insomma, questo Napoli è da record: ed è il più bel regalo per Walter Mazzarri, che ieri ha compiuto 51 anni.

Il presidente De Laurentiis, che si augura di prolungargli presto il contratto (in scadenza nel 2013), gli ha regalato una mountain-bike griffata Napoli e personalizzata con il nome Mazzarri. L'espulsione di Marassi, per fortuna del tecnico azzurro, non ha prodotto la temuta squalifica, ma soltanto un'ammonizione con diffida e una multa di 15mila euro.

Inibito fino al 21 ottobre, invece, il vicepresidente Edoardo De Laurentiis, che durante l'intervallo della gara di domenica ha "rivolto agli ufficiali di gara espressioni ingiuriose", come si legge nella nota del giudice sportivo. Dopodomani, intanto, torna l'Europa League. Ad Eindhoven, contro il Psv, il Napoli scenderà in campo con le seconde linee. Ci sarà, però, capitan Cannavaro, che è stato squalificato per un turno in campionato, e dunque salterà l'Udinese.

Sullo stesso argomento