thumbnail Ciao,

La Viola ha sopraffatto i bianconeri in ogni settore: è mancato soprattutto il centrocampo, piatto e molle, a causa del quale han funzionato male anche gli altri reparti.

L’osservazione è forse banale ma dà bene il senso di quella che è stata la partita di ieri sera al Franchi: se la Juventus riesce a strappare un punto anche esibendo la peggior prestazione della pur breve, fin qui, stagione, vuol dire che davvero i bianconeri rischiano di bissare l’imbattibilità dello scorso anno. Ieri si è vista una squadra stanca nella maggior parte dei giocatori, e per nulla pericolosa quando è stata l’ora di attaccare. La Fiorentina ha fatto la partita, sfiorando il vantaggio in più di un’occasione e facendo venire a più riprese i brividi agli avversari.

LA PARTITA | FIORENTINA-JUVE 0-0

TIRI
IN PORTA
POSSESSO
ANGOLI

CARTELLINI

FUORIGIOCO

FIORENTINA
13
4
49%
2
3
0

JUVENTUS
3
2
51%
1
1
3

Alla Juventus ha fatto difetto il contributo di parecchi giocatori chiave, fermo restando che davvero in pochi, nella compagine bianconera, si son salvati. E’ mancato Lichtsteiner, irriconoscibile e sulle gambe, per merito anche, sia chiaro, di un Pasqual formato nazionale. E’ mancato, ancora una volta, Pirlo, la cui sostituzione, che qualche tempo fa avrebbe destato meraviglia, è un chiaro segnale di come il calciatore stia vivendo un periodo non proprio brillante. E’ mancata anche la fase offensiva dove ne’ Quagliarella, ne’ Vucinic, ne’ soprattutto Giovinco hanno mai impensierito la retroguardia viola. E’ mancata la lucidità di un Vidal sempre in grande forma atletica, ma stavolta poco concreto. E fortuna che Asamoah è stato il solito grande maratoneta, un recupera palloni con piedi non finissimi ma capace sempre di dar respiro alla propria squadra sbrogliando situazioni intricate.

Se andiamo a considerare nel dettaglio la partita, sarà impossibile non notare come i bianconeri siano stati surclassati soprattutto a centrocampo. Come detto sopra, gli uomini guida della linea mediana, per un motivo o l’altro, sono sempre stati sopraffatti dai corrispettivi viola. Di ciò ne ha risentito sia l’attacco, peraltro apparso spuntato già di suo, sia la difesa che, in un modo o nell’altro, è riuscita comunque a salvaguardare la porta difesa da Gigi Buffon.

E’ chiaro che bisogna subito voltare pagina, che  bisogna salvare, della partita contro la Fiorentina, solamente il risultato. Facendo leva sul fatto che, probabilmente, la brutta prestazione sia stata un episodio isolato figlio della stanchezza, della situazione ambientale decisamente ostile, e di un’avversaria dal valore più elevato di quanto si possa credere.

Nel frattempo, in molti si chiedono quanto utile possa essere un Pirlo così: poco, diciamoci la verità. Ma è altrettanto vero che accantonare il principale artefice dello scudetto della scorsa stagione sarebbe da matti. E’ necessario aspettare che torni a dispensare magie come meglio sa fare. Inoltre, il Pogba visto sin qui, è sicuramente ragazzo di grandi prospettive, ma per nulla pronto a sostituire Pirlo nel ruolo di regista della Juventus. Potrà farlo tra qualche anno, e solo dopo un processo graduale. Più pronto, a nostro parere, sarebbe Luca Marrone che probabilmente, di qui a qualche giornata, rivedremo in campo dal primo minuto.
Sabato prossimo allo Juventus Stadium ci sarà la Roma - altro match mica da ridere -, ed il martedì successivo sarà il turno dello Shakthar Donetsk in Champions League: vietato accusare di nuovo poca lucidità e stanchezza.

Sullo stesso argomento