thumbnail Ciao,

Il tecnico boemo ha replicato alle piccanti dichiarazioni dell'allenatore della Sampdoria, affermando di non avere nessun problema nel salutare il tecnico napoletano.

La Roma torna in campo dopo la trasferta di Cagliari. La compagine giallorossa in realtà pur essendosi recata in Sardegna, non è mai scesa in campo per i noti fatti relativi alla decisione di Cellino di invitare i tifosi allo stadio nonostante la gara fosse a porte chiuse.

Ai giallorossi è stata riconosciuta una vittoria a tavolino per 0-3, Zdenek Zeman ha così commentato la cosa: “La vittoria a tavolino col Cagliari? Dispiace che non si sia giocato, non è dipeso da noi, la Roma era pronta. Sul 3-0 posso dire che le regole devono valere per tutti, mi spiace solo per i giocatori del Cagliari che non hanno alcuna colpa. Cellino ci ha definito avvoltoi? Lui è arrabbiato ma penso che ci sia tanta gente arrabbiata con lui. A questa gente dobbiamo dare conto. Secondo me l'azione del presidente del Cagliari è stata grave, la gara doveva giocarsi a porte chiuse, lui invitando i tifosi non ha permesso che si giocasse. I suoi problemi con il comune non possono interessare la Lega”.

Domani la Roma scenderà in campo con la Sampdoria, Ciro Ferrara, alla vigilia del match, ha accusato Zeman di aver leso la sua immagine con le sue famose frasi rilasciate in passato: “Non devo chiudere alcuna vicenda, dei problemi di cui parla Ferrara si sono occupati i tribunali per dieci anni. Se gli stringerò la mano domani? Io saluto tutti...”.

Il tecnico boemo non ha ancora deciso quali saranno i giocatori che domani scenderanno in campo: "Totti, De Rossi e Osvaldo? Tranne Osvaldo che ha sempre giocato a parte, dobbiamo valutare le varie situazioni. Dobbiamo giocare per vincere, la squadra sta bene, le gambe ci sono ma non sarà facile. Turn over? Io faccio sempre giocare chi è più in forma".

La Juventus ha avuto una partenza incredibile in campionato, la sensazione è che abbia già messo in chiaro le cose su chi sia la grande favorita del torneo: "Se si gioca per il secondo posto? Il campionato è tutto da giocare, tutti provano a giocare, alcuni ci riescono altri meno. Ricordo che il Milan l'anno scorso partì così e poi lottò per lo scudetto. Certo la Juve sembra la più forte. La crisi delle milanesi? Io non le sottovaluto, l'Inter ha vinto per tanti anni di fila, è abituata alla vittoria. Il campionato è lungo e nessuno è tagliato fuori. La Juve ha impressionato più di tutti finora, non è detto che lo faccia per tutto il campionato".

La Sampdoria è stata una delle grandi rivelazioni di questo inizio di stagione: "La Samp non mi ha sorpreso, l'anno scorso ha fatto un girone di ritorno importante in Serie B, ora sta continuando su quella strada. E' una squadra molto equilibrata. Io la conosco bene, era una mia rivale nella scorsa stagione".

Zeman crede molto nella sua Roma ed è convinto che possa fare grandi cose in campionato: "Se è una Roma da scudetto? Per me si, abbiamo una bella rosa, i talenti non ci mancano. Con il Bologna sembrava dovesse finire 5-0 ma ci siamo deconcentrati. Con quei punti in più oggi si farebbero altre valutazioni. Abbiamo un gruppo completo, tutti possono giocare. Piris? Forse non è il suo miglior momento, in allenamento però da tutto e non posso rimproverargli nulla".

Lotito, commentando quando è accaduto per Cagliari-Roma, ha detto che le partite vanno vinte sul campo: "Io non voglio fare polemiche, quelle le lascio ad altri. Io dico che c'è un regolamento e va rispettato".

Zeman ha anche voluto chiarire una cosa riguardo le recenti polemiche: "Sono Vialli e Ferrara che hanno parlato, non io. Loro dicono le cose ed io faccio polemica. Se queste cose possono essere un pericolo per la Roma? Se si cerca un alibi si, io però di alibi non ne cerco".


Sullo stesso argomento