thumbnail Ciao,

Dopo la decisione del giudice sportivo di concedere lo 0-3 a tavolino in favore dei giallorossi, è arrivata la conferma del legale rossoblù della volontà di fare ricorso.

Il Cagliari non ci sta. La delicata questione, che ha lasciato un pò tutti stupiti negli ultimi giorni, non è destinata ancora a concludersi. La società rossoblù ha infatti deciso di fare ricorso, dopo la sentenza del giudice sportivo che ha concesso la vittoria a tavolino alla Roma di Zeman.

Dopo l'invito del presidente Massimo Cellino ad andare ugualmente allo stadio, nonostante la struttura di 'Is Arenas' fosse stata dichiarata non idonea ad ospitare una partita a porte aperte, si era arrivati alla sospensione del match, rinviata a data da destinarsi per motivi di ordine pubblico.

Nella giornata di ieri è invece arrivata la notizia della decisione del giudica sportivo Tosel, che ha accolto la richiesta del club giallorosso, concedendo la vittoria a tavolino agli uomini di Zeman. Adesso però la società sarda prova a rimettere in gioco il tutto, chiedendo di fatto che venga annullato il risultato di 0-3 stabilito. Lo ha annunciato ufficialmente il legale del Cagliari Mattia Grassani: la prima fase riguarderà l'invio del preannuncio di reclamo con la richiesta degli atti alla Corte di giustizia federale.

Lo stesso Grassani ha rivelato di aver avuto un lungo colloquio con il patron rossoblù: "Ho parlato molto con il presidente ed è fortemente determinato a difendersi per spiegare bene cosa è successo. L'importante è chiarire bene il contesto nel quale sono nate le dichiarazioni della società di sabato pomeriggio. Lo stesso presidente mi ha detto che presto sarà in Italia".

Sullo stesso argomento