thumbnail Ciao,

La classifica sorride, ma i granata tirano poco in porta e faticano a segnare. 3 goal sono arrivati contro la peggior difesa del campionato, l'altro su calcio di rigore a Genova.

Un inizio di campionato confortante, sia dal punta di vista del gioco che della classifica, non deve ingannare i tifosi granata. Il Torino non riesce a fare gol, crea molto ma tira poco in porta, e questo non è un problema da poco. Dopo i 3 gol rifilati al Pescara, peggior difesa del campionato, l'unico gol è arrivato su calcio di rigore, a Genova contro la Sampdoria.

Rolando Bianchi è il solito trascinatore, ma non può reggere da solo il peso della fase offensiva granata, dato che dovrà anche rifiatare per qualche partita. Giampiero Ventura fatica così a trovare una seconda punta da affiancare al suo capitano. Meggiorini ha convinto a metà, Sgrigna si accende e si spegne, mentre Sansone è visto più come un vice-Bianchi. E allora spazio a Diop, il baby goleador della primavera, uno che tra i giovani ha letteralmente fatto la differenza a suon di gol, giocate di classe e tecnica sopraffina. L'unico 'problema', se così si può definire, è l'età: soltanto 18 anni, e il tecnico ligure non vuole rischiare di bruciarlo. Domani sarà in panchina, sognando un ingresso in campo nella ripresa.

Per questo motivo Ventura cambierà tutto già dalla prossima giornata di campionato, in casa contro l'Udinese, schierando Santana trequartista per vie centrali, per aumentare l'imprevedibilità della manovra. Alle sue spalle agiranno 3 mediani, facendo rifiatare quel Cerci apparso stanco dopo i 90 minuti contro la Sampdoria.

Eppure il gioco si è visto, come l'impronta indelebile data dal proprio tecnico, uno che le squadre le sa far girare a meraviglia. Manca soltanto il gol. Non una cosa trascurabile, ma quando si gioca così dovrebbe essere soltanto una diretta conseguenza, e invece a Torino sta diventando quasi un'ossessione.

In attesa di qualche bella sorpresa tra i giovani, Cairo ha però intenzione di tornare sul mercato a gennaio, rinforzando una rosa di tutto rispetto, che ha però bisogno di un giocatore che sappia far scoccare la scintilla alla squadra: un uomo che abbia la capacità di allontanare da Torino l'ossessione del goal.

Sullo stesso argomento