thumbnail Ciao,

L'attaccante gialloblù ha espresso tutta la sua soddisfazione per il punto guadagnato contro i viola e per il suo ritorno in campo, ma ora vuole più spazio da Donadoni.

Nel match che il Parma ha pareggiato contro la Fiorentina, Amauri è entrato in campo nell'ultima mezz'ora, mostrandosi molto attivo e risultando determinante per la squadra nel finale di partita, dove solo un grande Viviano gli ha negato la gioia del goal. Adesso però l'attaccante gialloblù chiede più spazio e maggiore continuità nei minutaggi.

Intervenuto in conferenza stampa, l'ex attaccante della Juventus ha espresso tutta la sua felicità per il ritorno in campo dopo l'infortunio: "Sono molto contento di essere tornato a giocare dopo un mese, ma sono altrettanto contento per il Parma che ha fatto una grande partita contro un grande avversario. Questo dimostra che quando giochiamo con la giusta testa possiamo mettere in difficoltà chiunque".

Sul piano personale Amauri ora vuole prendersi sulle spalle il Parma e giocare con continuità: "Ora sto bene e spero di non fermarmi più. In queste settimane ho lavorato molto ed era importante tornare in campo. Adesso voglio giocare con continuità e aiutare la squadra, 30 minuti non mi bastano più. Spero di partire titolare contro Genoa o Milan, ma dipende da tante cose, soprattutto dalle scelte del mister".

Le caratteristiche dell'italo-brasiliano lo rendono unico nel reparto offensivo gialloblù: "Far salire la squadra fa parte del mio modo di giocare, l'ho sempre fatto e l'ho fatto anche nei 30 minuti contro la Fiorentina. Palladino? Mi dispiace per lui, spero torni presto perchè abbiamo bisogno di lui".

Infine un commento sui nuovi arrivati in casa Parma: "Su Belfodil ho già detto che se diventa più cattivo sotto porta farà parlare di sè per tanti anni. Pabon sta imparando, ma sta già dimostrando di imparare ciò che gli chiede l'allenatore. Ma anche gli altri, come Ninis, stanno dimostando di avere grande motivazione. Secondo me Benalouane sabato ha fatto una grande partita, così come Rosi".

Sullo stesso argomento