thumbnail Ciao,

L’Inter crolla al cospetto del Siena, per Stramaccioni la parola d’ordine è unità: “Non intacchiamo quanto fatto finora”

Stramaccioni annuncia un possibile cambio tattico: "In mezzo soffriamo, la difesa a tre potrebbe essere una soluzione, magari aspettiamo che rientri Chivu".

Continua la maledizione di San Siro per le milanesi. Sia Milan che Inter non riescono proprio a vincere in casa ed anzi, i nerazzurri, hanno replicato il ko dei cugini di una settimana fa, perdendo in maniera clamorosa contro il Siena.

La compagine toscana, si è imposta con un 2-0 che porta le firme di Vergassola e Valiani. Andrea Stramaccioni, intervistato ai microfoni di Sky, ha così commentato quello che è uno dei risultati più sorprendenti di giornata: "E' una brutta sconfitta quella di oggi, quanto accaduto non ci deve però far perdere fiducia in quello che stiamo facendo. Se si vede la partita, l'Inter ha costruito molto più del Siena, peccato che non siamo riusciti a trovare il goal. Non intacchiamo il nostro lavoro a causa di questa sconfitta".

Il tecnico nerazzurro ha spiegato cosa deve fare ora l'Inter: "Non dobbiamo disunirci, non dobbiamo mollare ed anzi avere fiducia in noi stessi. Il problema principale è che soffriamo le ripartenze degli avversari. Fino al goal di Vergassola, loro si erano fatti vedere solo su calcio da fermo, poi ci hanno messo in difficoltà in contropiede. Siamo una squadra nuova, vanno trovati i giusti equilibri".

Stramaccioni annuncia un possibile cambio tattico: "In mezzo soffriamo, la difesa a tre potrebbe essere una soluzione, magari aspettiamo che rientri Chivu".

Infine un commento sull'atteggiamento dei tifosi: "Perdevamo ma ci hanno incitato fino alla fine, i fischi sono arrivati ed è normale visto che giocavamo in casa, solo una parte dello stadio si è però fatto sentire".

Sullo stesso argomento