thumbnail Ciao,

Rolando Maran carica il gruppo etneo alla vigilia della delicata sfida casalinga contro il Napoli. Nessun timore reverenziale: "Avversario difficile, ma nessuna paura".

Il Catania vuole stupire. Dopo il passo falso di Firenze è tempo di riscattarsi subito. Domenica al 'Massimino' arriva il Napoli, capolista e squadra in gran spolvero, per una sfida che promette spettacolo ed emozioni. Il tecnico rossazzurro Rolando Maran, nella conferenza della vigilia, ha ammonito i suoi riguardo alla difficoltà della gara.

“Si prospetta una partita complicata, contro un avversario che giocherà con molta grinta – ha esordito l’ex tecnico del Varese – Soprattutto non dovrà mancare il nostro coraggio nel fare gioco. Questa deve essere una nostra prerogativa”.

Massimo rispetto, comunque, per l'avversario di domani: “E' tra i più difficili, loro sono una squadra che vive molto sugli inserimenti. Senza dubbio, faremo degli accorgimenti tattici. Ma noi dobbiamo giocare da Catania. Senza nessuna paura. C'è la giochiamo con il solito coraggio”.

Maran non ha predisposto una marcatura particolare per Cavani: "Non c’è un giocatore più adatto a marcarlo. Ogni difensore che scenderà in campo dovrà dare il meglio, non solo contro l'uruguagio". Dopo la trasferta fiorentina, insomma, il mister vuole una squadra rabbiosa: "Serve una prestazione perfetta, c'è poco da fare".

Nessuna anticipazione, invece, sulla formazione: "Spolli o Bellusci? Meriterebbero di giocare tutti per come si stanno allenando. Anche a centrocampo non ho ancora scelto tra Biagianti e Izco".

Sullo stesso argomento