thumbnail Ciao,

Il tecnico della Roma è stato invitato dal presidente Napolitano in quanto connazionale del presidente ceco, Vaclav Klaus.

Vincere 2-0 in casa col Bologna e poi farsi raggiungere e addirittura superare nei minuti finali. Quella della Roma è stata una domenica da incubo visto che si è passati da una vittoria che pareva scontata alla più cocente delle sconfitte.

Un risultato, quello maturato all'Olimpico, che ovviamente non è andato giù a Zdenek Zeman che, secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, ieri ha tenuto a rapporto la squadra. Nella sala video di Trigoria, ha rianalizzato i tanti errori commessi dai suoi ragazzi, lamentandosi del fatto che Gilardino è stato lasciato incredibilmente solo e ricordando loro che anche sul 2-0 bisogna continuare a dare il massimo. Sul banco degli imputati anche centrocampisti ed attaccanti, rei di non aver sfruttato le tante occasioni per chiudere la partita ma il tecnico boemo, che comunque non ha alzato la voce, ha anche voluto ribadire la fiducia in una squadra che nel primo tempo gli è piaciuta molto.

Finito l'allenamento, Zeman e la moglie Chiara, sono poi stati tra gli ospiti di una cena che si è svolta al Quirinale. Il tecnico della Roma è stato invitato dal presidente Napolitano in quanto connazionale del presidente ceco, Vaclav Klaus. Al termine della serata, il boemo si è limitato a dire: "E' stata una sensazione piacevole sedersi al tavolo con due capi di stato".

In precedenza, poche ore prima, aveva incassato la fiducia di Franco Baldini che ha ribadito qual è la filosofia della nuova Roma: "Vogliamo modificare la storia del calcio che vede sempre vincenti le squadre ciniche. Il suo gioco ci ha sempre affascinato, non ci sono problemi con il mister".

Sullo stesso argomento