thumbnail Ciao,

L'ex tecnico di Napoli e Lazio ha espresso le sue sensazioni sulle gerarchie di questo campionato, promuovendo la squadra partenopea come la vera rivale della Juventus.

In pochi conoscono l'ambiente del Napoli come Edy Reja, l'ex allenatore dei partenopei promuove la squadra azzurra al ruolo di anti-Juventus, analizzando bene il valore delle squadre concorrenti. Il tecnico di Gorizia spende poi parole d'elogio anche verso un'altra sua ex squadra, la Lazio, protagonista di un grande avvio di stagione.

Intervistato ai microfoni di 'Radio Kiss Kiss', Reja ha elogiato la squadra di Mazzarri: "Il Napoli è una squadra importante, la società insieme all'allenatore ha lavorato benissimo rinforzando tutti i reparti dell'organico. Do però ancora la Juventus come favorita con il Napoli subito dopo. Se la Juventus farà qualche passo falso il Napoli quest'anno potrebbe appofittarne".

La nuova posizione di Hamsik è uno dei tanti punti di forza di questo Napoli: "Marek partendo dietro ha dei tempi di inserimento eccezionali, è vero che non ti dà interdizione, ma è bravissimo a partire da dietro o lateralmente con inserimenti puntuali, poi ha senso del gol e sa finalizzare. L'anno scorso ha avuto alti e bassi, mentre quest'anno è partito con il piede giusto. Riuscire a portare lo scudetto a Napoli sarebbe il giusto coronamento anche per De Laurentiis al quale nonostante le tante battaglie fatte mi lega un rapporto splendido".

Non poteva mancare poi un commento sul gioiellino italiano Lorenzo Insigne: "L'inserimento dopo il campionato di serie B è sempre difficile, Mazzarri sta gestendo bene il suo graduale utilizzo, ho una grande stima per Insigne che ha grandi doti, completa bene il pacchetto degli attaccanti, a lui piace giocare a sinistra per poi accentrarsi. Ne sono sicuro, diventerà un grande del calcio italiano".

L'ex tecnico azzurro vede bene anche la Lazio di Petkovic: "La Lazio ha qualità dal punto di vista tecnico, un bel gruppo che lavora molto bene e se non avrà infortuni potrà fare molto bene in campionato. Non a caso dico Juve, Napoli e Lazio perchè sono le squadre che hanno cambiato meno rispetto alla passata stagione. Il Milan? Allegri invece ha qualche difficioltà perchè sono andati via giocatori fondamentali. Quando vuoi ringiovanire l'organico è ovvio che ci vuole tanto tempo prima di trovare la strada giusta".

Infine il futuro, per il quale Reja non esclude un suo ritorno a Napoli in un ruolo diverso da quello di allenatore: "Non so se è arrivato il momento di lasciare il campo, non saprei neanche individuare una collocazione che non sia l'allenatore. Non so, ancora non ci ho pensato, ma posso anche dire che sarebbe bello tornare a Napoli. Le partite che porto di più nel cuore? La vittoria contro il Milan all'ultima giornata di campionato ad esempio, ma anche tutte le grandi vittorie in casa contro le big".

Sullo stesso argomento