thumbnail Ciao,

Il Prefetto di Cagliari ha stabilito che nello stadio di 'Is Arenas' non vi siano ancora sufficienti condizioni di sicurezza, pertanto Cagliari-Roma si giocherà a porte chiuse.

E' stata una giornata intensa quella vissuta dal Prefetto di Cagliari per quanto riguarda la decisione se concedere o meno l'accessibilità per il pubblico dello stadio del Cagliari di 'Is Arenas', a Quartu Sant'Elena.

Una giornata iniziata con la riunione in Commissione Provinciale di Vigilanza, proseguita poi con i sopraluoghi nell'impianto e infine con la riunione con il sindaco di Quartu, i rappresentanti della Questura e dei Vigili del Fuoco. Alla fine, la decisione presa dal Prefetto è quella che i dirigenti del Cagliari non si auguravano: la partita con la Roma, in programma, domenica 23 settembre, dovrà essere disputata a porte chiuse.

Ancora, secondo quanto stabilito dal Prefetto, nello stadio di 'Is Arenas' non sussistono tutte le condizioni di sicurezza e tutela della pubblica incolumità, l'impianto sarebbe ancora carente per quanto riguarda gli impianti antincendio e sussisterebbero anche delle problematiche relative alle strutture in cemento armato e in metallo, oltre alla sicurezza delle aree esterne.

Il Prefetto ha rigettato anche la richiesta del Comune di Quartu per l'utilizzo parziale degli spalti e l'ingresso di un massimo di 12.500 spettatori; richiesta respinta per documentazione carente.

Insomma, si giocherà senza pubblico, come il Cagliari aveva già fatto in occasione del match con l'Atalanta. "Determinando la vendita dei biglietti un'aspettativa che non potrà avere seguito - si legge nel comunicato della Prefettura - il prefetto ribadisce l'invito alla società Cagliari calcio ad astenersi dal proseguire nella suddetta iniziativa".

Sullo stesso argomento