thumbnail Ciao,

La mediana che ha prodotto una quantità di gioco insufficiente, con i centrocampisti granata che hanno perso tanti troppi palloni. 2-0 per l'Inter di Stramaccioni.

Un k.o che ci sta per questo Torino, per alcuni tratti di partita bello da vedere in avanti, ma inguardabile a metà campo, con tanti palloni ingenuamente persi dai mediani granata e con le ali Sgrigna e Stevanovic che hanno fatto tanta confusione nel primo tempo. Migliore la situazione con l’ingresso in campo di Cerci, Meggiorini e Sansone.

COSA VA – Sicuramente la forza di volontà di questo Toro, che non ha mai mollato, seppur essendo nettamente inferiore a questa Inter come spessore tecnico. Ottima anche la gestione dei cambi da parte di mister Ventura, che con gli innesti di Cerci, Meggiorini e Sansone ha ffatto capire che voleva giocarsi la partita fino alla fine, e se non ci fosse stato il solito Cassano, il finale di gara sarebbe stato incandescente.

LA PARTITA | TORINO-INTER 0-2

TIRI
IN PORTA
POSSESSO
ANGOLI

CARTELLINI

FUORIGIOCO

TORINO
9
3
38%
6
4
6

INTER
9
4
62%
1
4
3

COSA NON VA - La mediana che ha prodotto una quantità di gioco insufficiente, con i centrocampisti granata che hanno perso tanti, troppi, palloni che hanno poi dato il via a molte azioni offensive nerazzurre.

TOP&FLOP - Come top da segnalare intanto l’ ottima prestazioni di Angelo Ogbonna, solito baluardo  difensivo, che ha preso letteralmente le misure a Milito, limitandone la pericolosità e si è reso importante anche nell’impostare il gioco, per la gioia di Ventura.

Ottime anche le prove di Mario Alberto Santana,  Rolando Bianchi e Riccardo Meggiorini. L’argentino con la sua velocità e la sua capacità di saltare l’uomo ha messo in seria difficoltà la difesa nerazzurra; Rolando Bianchi, ha invece calamitato tutto il gioco offensivo dei granata rendendosi pericoloso più volte e andando anche vicino al gol un paio di volte; infine Meggiorini, che subentrato nel secondo tempo riesce a fare molto bene dimostrandosi in palla e molto dinamico.

Come flop da segnalare invece principalmente la pessima prova  del centrocampista ex Bari Alessandro Gazzi, il quale oltre ad aver regalato letteralmente a Milito il pallone per il primo gol dei nerazzurri, ha perso tantissimi palloni a centrocampo e rimediato un giallo meritato.

Pessima anche la gara dell’esterno ex primavera dell’Inter Alen Stevanovic, il quale ha sbagliato completamente tutto in fase offensiva, producendo tanto fumo e poca concretezza. Così e così infine la partita di Matteo Brighi, il quale si nasconde troppo e costringe Ogbonna ad impostare il gioco al posto suo.
 
CONSIGLI PER IL MISTER - Dia più spazio ai vari Cerci e Meggiorini, lasciando in panchina gente come Stevanovic e Sgrigna, ne guadagnerà il potenziale offensivo.

FUTURO - La prossima partita contro i blucerchiati di Ciro Ferrara, reduci da tre vittorie di fila, comincerà a dire di più su quali potranno essere le reali aspirazioni granata per quest’anno.

Sullo stesso argomento