thumbnail Ciao,

Buffon è confidente nella forza della sua Juve, ma sa che il fatto di partire favoriti per lo Scudetto non significa che saranno tutte rose e fiori. Le avversarie sono agguerrite.

Quella che si è presentata ai blocchi di partenza del campionato, è una Juventus che non solo porta sul petto lo Scudetto da pochi mesi vinto, ma anche sulle spalle i galloni di grande favorita del torneo.

In tanti si chiedono quale possa essere la vera anti-Juve, Gigi Buffon, intervistato ai microfoni di Sky Sport24, ha spiegato quali sono secondo lui le rivali più insidiose: "Ci sono tre o quattro squadre che magari partono dietro di noi ma che cammin facendo possono diventare pericolose. Mi riferisco a Milan, Inter e Roma ma anche al Napoli che non ha la Champions ed ha il gruppo di giocatori più collaudato".

La Juve deve fare i conti con la squalifica del suo allenatore: "Conte ci manca, la sua assenza in panchina si fa sentire. E' un tecnico che ci ha dato nuova convinzione, ha fatto un grande lavoro rivoltando la squadra come un calzino e regalandoci determinazione".

Buffon ha anche parlato dei nuovi arrivati in casa Juve: "Asamoah si è inserito fin da subito, non ha risentito del passaggio dall'Udinese ad una squadra come la Juve. Ha cattiveria ma anche mezzi tecnici straordinari, ha immediatamente acquisito la giusta mentalità".

La compagine bianconera tornerà ad essere protagonista in Champions: "Ci sono mancate un certo tipo di partite, per troppo tempo le abbiamo viste solo alla tv. Torneremo a vivere certe atmosfere".


Sullo stesso argomento