thumbnail Ciao,

Domenica l'attaccante marchigiano esordirà in casa con la maglia della Roma. Un'emozione speciale per lui: "Obiettivi? E' ancora presto per parlarne...".

L'esordio in campionato con la Roma, a San Siro contro l'Inter, è stato molto positivo per la squadra (vittoriosa per 3-1), un po' meno per lui, schierato in un ruolo poco gradito. Ora Mattia Destro, atteso dalla prima all'Olimpico - contro il Bologna - sogna un battesimo con i fiocchi, davanti al caloroso pubblico giallorosso.

"Mi auguro che sarà un grandissimo esordio, di certo sarà molto emozionante", ha raccontato oggi il giovane bomber marchigiano, ospite ai microfoni di 'Sky'. A Modena è arrivato per lui il primo goal in Nazionale: "Per me si è realizzato un sogno, ogni bambino vorrebbe segnare con la maglia dell'Italia".

Adesso è tempo di rituffarsi in atmosfera campionato, obbedendo agli ordini di mister Zeman: "E' un tipo di poche parole, ma quando parla si fa sentire. Stiamo cercando di seguirlo al 100%, spero che faremo una grande stagione".

Nello spogliatoio, Destro ha fraternizzato molto con il compagno di reparto Osvaldo: "Abbiamo un bellissimo rapporto, ci siamo trovati bene da subito". Il punto di riferimento, comunque, rimane capitan Totti: "E' un esempio per tutti noi, ho visto subito la sua voglia di fare e le sue qualità". Anche De Rossi, racconta, lo ha colpito molto: "Soprattutto sotto l'aspetto umano, è molto umile e ha legato con tutti i nuovi".

L'ex Siena sembra contentissimo di aver scelto questa maglia: "Ci pensavo da diverso tempo. Appena è capitata l'occasione, però, ho voluto rifletterci un po' su, perchè si trattava di una decisione importante. Ora sono contento di essere qui, è la mia prima volta in una grande squadra".

Meglio non parlare ancora di obiettivi, però: "E' presto, ma per come stiamo lavorando mi auguro che raggiungeremo traguardi di spicco". La Juventus, a suo giudizio, rimane davanti a tutti: "E' la squadra da battere, la favorita per il titolo e ha fatto un gran mercato". Il futuro a lungo termine si chiama Brasile 2014: "Ce la metterò tutta, sogno di giocare ai Mondiali assieme a tanti grandi attaccanti, tra cui Balotelli, che è un vero fenomeno".

Sullo stesso argomento