thumbnail Ciao,

Daniele Pradè, direttore sportivo della Fiorentina ha parlato delle cessioni di Cerci e di Bakic: "Potevamo prendere altri extracomunitari, cosi il montenegrino è andato al Toro".

La Fiorentina ha stupito tutti, tifosi compresi per l’ottima campagna acquisti nel mercato estivo. E adesso i viola si candidano come una delle sorpresi della stagione.

Dai microfoni di Radio Sportiva, Daniele Pradè, direttore sportivo della società, ha spiegato alcune mosse dell’ultima sessione di mercato. Soprattutto le cessioni di Alessio Cerci, e del centrocampista montenegrino Bakic (in comproprietà con la società granata), entrambi passati al Torino.

A riguardo, Pradè, ha sottolineato: “Potevamo prendere altri extracomunitari, per questo motivo Bakic è andato al Torino, ma il cartellino è in comproprietà fra noi ed i granata. A fine anno si deciderà".

Infine su Cerci conlude: “E' stato un affare che ha accontentato entrambe le parti. A dimostrazione come i rapporti con il Torino sono ottimi. E non è detto che non potremmo portare avanti altre operazioni del genere con la dirigenza granata.”

Sullo stesso argomento