thumbnail Ciao,

Il baby attaccante appena acquistato dal Milan si è reso protagonista di un biasimevole episodio. Il francese ha mentito dicendo di aver dimenticato i documenti in albergo.

Dopo il deludente debutto con la Primavera del Milan, il neo acquisto rossonero Mbaye Niang si è reso protagonista di un curioso quanto increscioso episodio, in perfetto 'stile-Balotelli'. Il baby attaccante è stato infatti fermato dai vigili in zona Piazza della Repubblica, a bordo di una delle macchine messe a disposizione dalla società.

Il francese però ha solamente 17 anni e, quando le forze dell'ordine gli hanno chiesto la patente, il giocatore ha in un primo tempo dichiarato di aver dimenticato i documenti in albergo.

Non sapendo più cosa fare per uscir fuori dal guaio in cui si era cacciato, Niang ha provato ad ingannare i vigili dicendo di essere Traorè, suo compagno in maglia rossonera.

Le autorità non hanno però abboccato e hanno invitato l'attaccante a tornare in hotel per recuperare i documenti. Una volta arrivati all''NH Hotel', l'inganno è stato subito smascherato. Adesso si attende la reazione della società, ma è prevedibile che per il giovane acquisto francese sia in arrivo una multa salata.

Sullo stesso argomento