thumbnail Ciao,

Il ritorno di Toni in maglia viola è stato accolto in maniera positiva da tutto l'ambiente ma ci si domanda se abbia fatto bene a rimettersi in gioco in una piazza così esigente.

Nel giorno della presentazione di Luca Toni in maglia viola, è Vincenzo Guerini, attuale team manager della squadra gigliata, a rilasciare alcune dichiarazioni relative al ritorno a Firenze dell'ex nazionale e campione del mondo emiliano: "Non sto a presentarvi Luca; è un calciatore che ci ha fatto sognare in diverse stagioni anche se non so se abbia fatto bene a rimettersi in gioco in una piazza del genere".

Certamente i tifosi viola dovranno fare i conti con la carta di identità di Toni che, alla voce data di nascita, indica 1977. Altro problema potrebbe essere la condizione fisica dell'attaccante che può contare solo 37 presenze con 7 reti all'attivo nelle ultime tre stagioni tra Genoa, Juventus e Al-Nasr.

Fu proprio il traferimento al club di Dubai a far pensare ad un giocatore, giunto ormai al termine della carriera, alla ricerca di un ultimo allettante contratto. Ma l'ultimo giorno di calciomercato, proprio a poche ore dal termine, la notizia che ha fatto scaldare i cuori dei tifosi viola: il ritorno di Luca Toni.

Quando a Firenze si pensa a Toni non si può che tenere conto di alcune cifre che solo un grande giocatore può raggiungere: 67 presenze e 47 goal tra le fila della squadra toscana. E questi numeri sembrano destinati ad aumentare perchè, come riportato da Firenzeviola.it, Guerini è rimasto stupito dalla voglia di allenarsi mostrata dall'attaccante: "Quello che mi ha colpito di Luca è stato l'entusiasmo: mi è sembrato di vedere un ragazzo che arriva in serie A per la prima volta".

Insomma se alla Fiorentina serviva un attaccante che concretizzasse la mole di gioco prodotta dagli uomini di Montella, quella di Toni può realmente essere una soluzione a tutti i problemi. Diveramente, potrebbe rivelarsi sul un ritorno per questione di cuore. Il cuore del tifo viola.

Sullo stesso argomento