thumbnail Ciao,

Il mediano, arrivato a Napoli la scorsa estate, ma bloccato per tutta la stagione da un gravissimo infortunio al ginocchio, è finalmente pronto e promette: "Darò il massimo".

Marco Donadel è pronto a prendersi il Napoli. Arrivato sotto il Vesuvio la scorsa estate, il biondo centrocampista non ha potuto però dimostrare tutte le proprie doti da combattente, a causa di un infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi per tutta la stagione.

Ora però Donadel sta bene, ha svolto tutta la preparazione con la squadra, ed ha debuttato nel match vittorioso di Palermo: "Sto bene - racconta a 'Radio Marte' - e voglio dare il massimo per questa maglia".

Quindi il mediano ammette: "Preferisco saltare a piedi pari l'esperienza della scorsa stagione, ma voglio comunque prendere il lato positivo di quanto mi è accaduto: sono cresciuto, ho acquisito esperienza anche caratteriale e sono certo che il meglio della mia carriera devo ancora darlo ed ora ho tantissima carica per dimostrare il mio valore con la maglia del Napoli".

Donadel si dice poi pronto a ricoprire il ruolo di rincalzo di lusso nell'affollato centrocampo azzurro: "Il reparto è altamente competitivo, basta guardare Hamsik, Inler e Behrami che sono calciatori di spessore internazionale. Mazzarri mi ha anche schierato nel ruolo di Hamsik ma Marek è un'altra cosa. Si sacrifica, segue le indicazioni del mister è un esempio da seguire".

Ecco poi la frenata sui facili entusiasmi di inizio stagione: "Non faccio mai proclami ma posso dire che siamo partiti bene e siamo consapevoli della nostra forza.La società ha un progetto che punta al futuro ed i risultati si vedono. I tifosi sognano? Siamo contenti, perchè i loro sogni sono per noi grandi stimoli, ma allo stesso tempo sappiamo di dover procedere con equilibrio e razionalità".

Infine Donadel rivela il suo sogno nel cassetto in chiave europea, ricordando la semifinale di Coppa Uefa persa nel 2008 quando ancora indossava la maglia viola: "Sono arrivato ad un passo dalla finale di Europa League e vorrei prendermi una rivincita. Ci teniamo all'Europa, Mazzarri non vuole perdere neppure in amichevole figuriamoci in campo internazionale".

Sullo stesso argomento