thumbnail Ciao,

Alberto Aquilani non è ancora disponibile, ma Montella non si preoccupa. Lo staff lavora per farlo tornare contro la Juventus. Pradè intanto saluta Toni: "Ci aiuterà molto".

Nei piani estivi di Vincenzo Montella, il centrocampo titolare sarebbe dovuto essere composto da Borja Valero, Pizarro e Alberto Aquilani, ma quest'ultimo è alle prese con l'ennesimo infortunio di una travagliata carriera. Il numero 10 viola è ancora fermo ai box dopo la botta rimediata a ferragosto nell'amichevole della nazionale contro l'Inghilterra, che ha fatto riacutizzare una tendinopatia achillea già diagnosticata in passato. E molto probabilmente Montella non potrà contare su di lui neanche nella prossima partita casalinga contro il Catania.

Nessuno in casa Fiorentina accenna a parlare di 'caso Aquilani', ma è stata sposata la politica della tranquillità, lasciando lavorare serenamente il nazionale azzurro. Il centrocampista romano ha già iniziato un lavoro mirato per tornare al 100%, impedendo eventuali ricadute, perchè se Montella può farne a meno adesso, di certo lo vorrà in campo il 25 settembre nel tanto atteso match di campionato contro la Juventus.

Lo staff medico punta a farlo rientrare per quella data, ma ormai tutti sanno che quando si parla di infortuni e Aquilani, non c'è mai nulla di scontato. Sarà un ritorno quello dell'ex giocatore giallorosso, che nelle ultime due stagioni ha giocato - in prestito - proprio per la Juventus e il Milan, totalizzando 56 presenze e 3 goal.

Nel frattempo Vincenzo Montella e Daniele Pradè si godono il ritorno in viola, dopo 5 anni, di Luca Toni, che oggi sarà presentato ufficialmente ai tifosi alle 15.30. Il feeling con il goal c'è sempre stato, visti i 47 centri in 67 apparizioni in due stagioni sotto la 'Fiesole', adesso però c'è da rodare la condizione fisica. E' in sovrappeso di appena 1,5 kg, ma Pradè applaude se stesso per la riuscita dell'operazione anche da un punto di vista sentimentale: "Quando lo presi a Roma, in 6 mesi ci dette tanto sia sotto il profilo sportivo che umano. Luca è un uomo spogliatoio e una mano ce la darà anche stavolta".

Sullo stesso argomento