thumbnail Ciao,

Parla l'amministratore delegato della Fiorentina: "Montella è veramente eccezionale, siamo molto felici. Toni? Ci aspettiamo molto, specialmente perché ama Firenze"

Resta o non resta? E' la domanda che ha tormentato l'estate dei tifosi della Fiorentina, preoccupati dalle sirene di mercato riguardanti il loro grande beniamino, Stevan Jovetic, corteggiato dalla Juventus e inseguito da tanti club europei.

Alla fine Jo-Jo è rimasto a Firenze, per la gioia del popolo viola e dell'amministratore delegato Sandro Mencucci, che all'uscita dalla Lega Calcio ha ammesso come la permanenza dell'asso montenegrino sia stato un segnale importantissimo per il club: "Il fatto che sia rimasto è la cosa più bella. E' rimasto ed è anche contento. Se è stato vicino ad andarsene? Di richieste ce ne sono state per cui è stato molto bravo il mio Presidente a convincerlo a rimanere".

Jovetic, così come Berbatov, è stato la causa delle frizioni tra la Fiorentina e la Juventus: "Chiarimento con la Juve? Penso che si debbano chiarire i Presidenti non io con il Signor Andrea Agnelli". I viola, che erano stati a un passo dal bulgaro, hanno poi optato per Luca Toni: "Ci aspettiamo molto - ha ammesso Mencucci - specialmente perché ama Firenze. Abbiamo voluto riportarlo a Firenze, siamo felici se potrà fare anche più di un goal".

Chissà che non siano proprio le reti di Toni a trascinare la Fiorentina in una stagione che si preannuncia ricca di soddisfazioni per la squadra viola: "Noi la rivelazione del campionato? Sono contento vuol dire che abbiamo fatto un buon lavoro quest'estate. Montella è veramente eccezionale, siamo molto felici. Lotta scudetto? Il Napoli è molto cinico, l'altra sera abbiamo giocato meglio noi e hanno vinto loro. Questo fa sì che possa essere una squadra importante per la lotta scudetto".

Sullo stesso argomento