thumbnail Ciao,

Il n. 1 federale ha detto la sua sulle polemiche degli ultimi giorni, con un occhio al test di stasera contro l'Inghilterra: "Prandelli? Non ha mai detto di voler partire...".

La stagione ufficiale è appena partita, ma se il buongiorno si vede dal mattino prepariamoci all'ennesima annata di veleni e sospetti. L'antipasto a Pechino, con l'agitatissima finale di Supercoppa Italiana tra Juventus e Napoli, funestata da polemiche di ogni tipo. Non un buon viatico, che preoccupa il presidente federale Giancarlo Abete.

"Supercoppa? Il nostro calcio deve crescere molto a livello comportamentale - le sue parole ai microfoni di Sky - Quanto alla 'diserzione' del Napoli, dico che ho visto tante premiazioni in situazioni di contestazione e tutti hanno saputo disgiungere la fase della critica da quella del riconoscimento del successo avversario. Sulla Juve posso dire che è un grandissimo club, con cui c'è un rapporto istituzionale. Ultimamente con loro si è creata un po' di confusione - è l'allusione di Abete ai fatti di 'Scommessopoli' - ma la giustizia sportiva è autonoma e deve svolgere il suo ruolo con serenità".

Non manca un commento anche sulla polemica a distanza tra Zeman e Marotta in merito alla squalifica di Conte. Secondo il boemo il collega bianconero, vista la sua posizione, non dovrebbe allenare. Un'esternazione a cui è seguita una dura presa di posizione da parte del dg della Juve. "Quando non si è interessati in prima persona, non bisognerebbe parlare - è il parere del numero 1 della Figc - è troppo facile chiedere dei cambiamenti in questa maniera. Allo stato attuale, un tecnico inibito può tranquillamente allenare durante la settimana".

Meglio, forse, pensare alla Nazionale, che stasera tornerà in campo a Berna, nel test contro l'Inghilterra: "Inizia il nostro percorso verso i Mondiali, dopo un Europeo perso, ma vissuto da protagonisti. Prandelli ha preso un impegno e non ha mai detto di voler andare via. Può capitare talvolta di avvertire qualche mancanza, ma questo non vuol dire che non si vuol portare a termine un progetto".

Sullo stesso argomento