thumbnail Ciao,

Petkovic rimanda la Lazio di Salerno: "Meglio a Smirne, ma è normale faticare all'inizio". Intanto Lotito apre a nuovi colpi: "Qualcosa potrebbe accadere..."

Il patron non ha escluso l'arrivo di nuovi innesti, pur evidenziando il livello, a suo dire buono, dell'organico. Non molto soddisfatto il mister dopo la prova dell'Arechi...

La Lazio vince (3-0 per la cronaca) ma non convince in quel di Salerno. Il gioco è apparso troppo lento e molti elementi sono ancora lontani da una condizione accettabile. Vladimir Petkovic non si nasconde e ammette le difficoltà dei suoi in questa fase della preparazione.

"A Smirne (contro il Galatasaray, ndr) la mia squadra mi era abbastanza piaciuta, qui a Salerno molto meno - le parole del tecnico a fine gara, riportate dalla Gazzetta dello Sport - Avremmo dovuto fare maggiore pressing, attaccare con più giocatori. Invece a centrocampo siamo stati troppo fermi e di conseguenza anche i difensori sono saliti meno di quanto avrebbero dovuto fare".

Nessuna ansia, però: "Quando si cambia gioco è normale che all'inizio s'incontrino delle difficoltà. La Lazio negli ultimi due anni ha giocato in un modo diverso rispetto a quello che sto cercando di proporre io. Non siamo ancora al top, bisogna quindi avere pazienza".

Soprattutto con quei giocatori che non sono ancora al top, come Lulic: "Lui è un diesel, ci mette tempo ad entrare in forma". Stesso discorso per Klose, che però si allena soltanto da una settimana: "E infatti lui, a differenza del resto della squadra, si allenerà anche domani (oggi, ndr)".

Elogi, invece, per Zarate, che ieri ha messo a segno il terzo goal biancoceleste: "Si è mosso molto bene, anche se deve migliorare in certi meccanismi. E deve avere una maggiore continuità nel fare le cose che sono nelle sue corde".

Parole di soddisfazione arrivano dal patron Lotito, che all'Arechi ha ammirato le sue due 'creature': "La Salernitana ha gettato il cuore in campo, la Lazio ha giocato in maniera più compassata come era logico. Ma a me entrambe le squadre sono piaciute abbastanza. Mercato? Vediamo, qualcosa potrebbe accadere. Ma non dimentichiamo che la Lazio nelle ultime due stagioni ha sfiorato la Champions con questi uomini. L'organico, dunque, è più che soddisfacente".

A proposito di mercato, Petkovic accoglie così lo svedese Granqvist, dato in arrivo: "Buon giocatore, basta vedere quello che ha fatto nel Genoa e con la nazionale svedese".

Notizie positive soltanto a metà, intanto, per Cristian Brocchi, che ieri si è sottoposto ad un consulto medico in Germania, presso il medico di fiducia di Klose, che gli ha prescritto un'altra decina di giorni di riposo prima di ritornare ad allenarsi. Il 4 settembre è previsto un nuovo controllo al piede destro che lo tormenta da mesi, e solo allora, in caso di via libera, potrà tornare in gruppo.

Sullo stesso argomento