thumbnail Ciao,

Alla prima giornata, contro la Juventus e l'ex Giovinco, non ci sarà: "Ci tenevo tanto, mi spiace, speravo ci fosse una trasferta diversa".

E' stata, decisamente, un'estate movimentata quella del Parma. Movimentata in senso territoriale, visti i ritiri ad Olbia, Levico, ed ora, Praga. Si conoscono nuovi luoghi, nuovi modi di vivere. E sopratutto ci si conosce più a fondo. Parola di Daniele Galloppa.

"Ci sono spostamenti continui, ma è molto bello. Anche questo durante la preparazione ci sta" afferma il centrocampista al sito ufficiale gialloblù. Fisicamente c'è ancora da lavorare: "Non stiamo ancora bene, e' normale, fa parte del ritiro. Sarebbe più preoccupante se fossimo già in forma adesso".

I nuovi arrivati si stanno ambientando velocemente: "Anzi, direi benissimo, ci sono tanti stranieri però si stanno ambientando alla svelta. Sono ragazzi a modo, in un gruppo come quello del Parma poi si fa presto ad ambientarsi. Noi ci teniamo a fare risultato, sempre, ma non mi preoccupo di questa gara, bisogna lavorare ancora, crescere e lavorare dove il mister ritiene ci sia da migliorare".".

Alla prima giornata, contro la Juventus e l'ex Giovinco, non ci sarà: "Ci tenevo tanto, mi spiace, speravo ci fosse una trasferta diversa. Appena ho visto il sorteggio ho scritto a Seba che gli è andata bene che non ci fossi. Capita, sarà per il ritorno".

Sullo stesso argomento