thumbnail Ciao,

Petko abbandona il 4-2-2 e si divide tra il 4-2-3-1 e il 4-3-3: "Saranno questi i due moduli di riferimento della mia Lazio. Ma c'è ancora tanto da lavorare..."

All'indomani dell'amichevole vinta 4-0 contro la Nuova Circe, il tecnico bosniaco è intenzionato a puntare su questi due schemi, alternati tra primo e secondo tempo.

Lo 0-1 col Siena ed il più roboante 0-3 col Torino hanno convinto Petkovic ad abbandonare il poco fruttifero 4-4-2. Nel corso dell'amichevole vinta per 4-0 sulla Nuova Circe, infatti, il tecnico bosniaco si è concentrato sui i due moduli che caratterizzeranno il futuro stile di gioco della Lazio.

"Saranno il 4-2-3-1 ed il 4-3-3 i due moduli di riferimento della mia Lazio", le parole di Petko evidenziate dalla 'Gazzetta dello Sport'. I due nuovi schemi sono stati provati nell'arco dei 90 minuti, ma per assimilarli al meglio (soprattutto il 4-3-3) la Lazio dovrà provarli e riprovarli.

Proprio per questo Petko striglia la squadra: "È stato un buon allenamento, quello che volevamo. C'è ancora tanto da lavorare, è vero. Però non sono preoccupato, anzi sono abbastanza contento di quello che stiamo facendo. Le gambe dei giocatori sono pesanti, ma questo è normale vista la preparazione sostenuta. Da adesso in avanti lavoreremo di più sulla velocità e i risultati presto si vedranno".

Analizzando le prestazioni dei singoli non hanno ancora convinto più di tanto ne Hernanes (schierato nel 4-3-3 da interno sinistro) e Zarate, nonostante il pregevole assist per il goal di Alfaro. In generale, comunque, è tutta la squadra ad essere indietro di condizione. Fatta eccezione per Candreva ed il gioiellino Onazi, che ha segnato un bellissimo goal e sembra davvero pronto per un esordio in Serie A.

Anche Petkovic è rimasto colpito dal centrocampista classe '92, arrivato l'anno scorso alla finale scudetto Primavera: "È giovane, deve crescere, ma può già esserci utilissimo". Intanto sabato a Smirne ci sarà l'impegnativo test col Galatasaray, in occasione del quale il tecnico biancoceleste spera di recuperare Klose: "Verrà con noi - conclude - spero di farlo giocare almeno un quarto d'ora".

Sullo stesso argomento