thumbnail Ciao,

L'attaccante brasiliano giura fedeltà ai rossoneri e dichiara senza esitazioni: "Il Milan sarà la mia ultima società europea. Darò tutto per mister Allegri".

Robinho e il Milan, il matrimonio tra il brasiliano e i colori rossoneri è destinato a durare. L'attaccante verdeoro non sembra infatti avere alcuna intenzione di andare via e anzi promette assoluta fedeltà alla società e a mister Allegri, come confessato in una lunga intervista al 'Corriere dello Sport'. Respinte al mittente le offerte di Santos e Malaga.

Robinho ammette la trattativa con i brasiliani, mentre smentisce qualsiasi ipotesi spagnola: "Il mio ex-club, in effetti, ha fatto molto per riportarmi in Brasile. In Europa per me c’è solo il Milan.- e puntualizza- Quella rossonera sarà infatti l’ultima squadra europea della mia carriera".

Binho poi tranquillizza i tifosi e promette: "Vedranno un Robinho molto simile a quello della prima stagione quando abbiamo vinto lo scudetto. Aggiusterò anche la mira sotto porta, ora sono più tranqullo. Lo devo soprattutto a mister Allegri, per lui darò tutto".

Quindi il brasiliano difende le mosse della società sul mercato: "Senza Ibra e Thiago Silva sarà un Milan diverso, ma non per questo meno forte. Questo è un grande club, è impossibile che possa perdere competitività ed il mercato è ancora lungo...".
 
Robinho invita poi Kakà a rivestirsi di rossonero: "Sarei felicissimo se Ricky tornasse al Milan. Siamo stati compagni nella Seleçao. Insieme potremmo fare grandi cose, anche perchè tutti e due vogliamo essere protagonisti in Brasile nel 2014".

Infine lancia la candidatura di Pato come 'nuovo' top player d'attacco di casa Milan: "E' forte, giovane, ha davanti a sé un’ottima carriera. Si tratta di un ottimo attaccante".

Robinho intanto non potrà prendere parte al match in programma questa notte a Philadelphia contro il Chelsea, essendo rimasto bloccato ieri in aereoporto a Francoforte per un problema di passaporto. Il brasiliano raggiungerà direttamente il gruppo negli States, ma di certo la sua assenza complicherà e non poco il lavoro di Allegri al momento di stilare l'undici da schierare contro i Blues.



Sullo stesso argomento