thumbnail Ciao,

L'attaccante granata non vede l'ora di affrontare la Juve nei derby: il suo ricordo più bello è un goal segnato a Gigi Buffon quando giocava a Bari...

Arrivato nel mercato di gennaio per rimpolpare il reparto offensivo granata, Riccardo Meggiorini continuerà a vestire la maglia del Torino anche in Serie A, che con le sue prestazioni e i suoi goal ha contribuito a raggiungere. Intervistato da 'TorinoGranata.it', la punta ex Novara ha parlato dei problemi tattici che lui e i suoi compagni incontreranno in Serie A, campionato che il tecnico Ventura conosce bene e per il quale non sembra essere intenzionato ad applicare particolari contromisure.

"L'identità del mister è sempre quella, sicuramente in base agli avversari ci adatteremo, così come il mister ci ha sempre insegnato. E' vero che, magari, gli avversari si chiuderanno un po' meno rispetto a quelli della B, dove il Torino era la squadra più forte e tutti la temevano, ma anche se ci saranno più spazi noi dovremo sapere esattamente cosa fare, perché non basterà che le altre squadre si difendano meno per farci andare a nozze, no! Funziona diversamente: solo se noi sapremo cosa fare in campo riusciremo ad affrontare meglio i nostri avversari".

Potendo contare in organico soltanto su quattro punte - Bianchi, Sgrigna, il giovane Diop e appunto Meggiorini - all'attaccante di Isola della Scala è stato chiesto se si aspetta qualche acquisto in avanti: "Se arriverà qualcuno sarà ben accetto perché significa che ci darà una mano. Non so cosa sta facendo a tal proposito la società, penso che un rinforzo arriverà, ma non è un problema perché le dinamiche di mercato a noi giocatori non riguardano. Siamo sereni sia se arriverà una punta o un centrocampista o un difensore, perché saremo competitivi ugualmente".

Dopo tre anni, a Torino tornano i Derby della Mole, partite a sé che sembrano caricare ulteriormente Meggiorini per il valore e il blasone degli illustri avversari: "Affrontare la Juventus per me è motivo d'orgoglio, perché se sono arrivato a giocare contro squadre di questo livello e contro questo portiere vuol dire che sono riuscito a realizzare un sogno. Fin da bambino volevo affrontare questi giocatori e adesso che mi ci trovo voglio godermelo".

"Ho già avuto la fortuna di segnare a Buffon quando giocavo nel Bari - conclude l'attaccante - ed è il ricordo più bello da quando gioco a calcio: lo stadio era pieno, quindi la cornice era importante, ed io ho fatto goal a lui e alla Juventus, sicuramente è stato il mio goal più bello".

Sullo stesso argomento