thumbnail Ciao,

"Giocare partite come
 queste è ottima prova per prepararci al meglio al campionato che ci aspetta" afferma il classe '87. Bradley è il primo statunitense della storia romanista.

L'uomo di Priceton, New Jersey, è il primo statunitense a vestire la maglia della Roma. Una valenza particolare, visto che ora la società giallorossa è targata stelle e strisce. Un connubio, comunque, che travalica l'importanza della nazionalità, visto quanto mostrato da Michael Bradley lo scorso anno.

"Abbiamo fatto una buona partita a Chicago, dove ci siamo allenati
 bene. Stiamo facendo lo stesso anche qua a Boston e siamo molto
 emozionati per la gara che ci aspetterà domani contro il Liverpool" riferisce l'ex Chievo in conferenza stampa dagli States.

Sarà già grande calcio. Contro l'ex Borini: "Roma-Liverpool è una gara appassionante, spero che anche tutto il pubblico presente possa
 passare una grande serata di sport. L’affetto dei tifosi romanisti mi ha colpito molto, è stato bellissimo giocare davanti a loro in questi giorni".

"Giocare partite come
 queste è ottima prova per prepararci al meglio al campionato che ci aspetta" ha continuato il classe '87. "Fenway Park rappresenterà
 una grande esperienza per me e i miei compagni perché è uno dei migliori stadi del nostro Paese".



Sullo stesso argomento