thumbnail Ciao,

Conferenza stampa per il centrocampsita belga: "Noi sappiamo quel che possiamo dare. Penso che per migliorare dobbiamo dare continuità alle nostre prestazioni".

Prima la Juventus, poi le sirene russe. Radja Nainggolan, però, ha detto no. Ha detto no ai traguardi importanti e ai milioni esteri per restare in maglia rossoblù, per continuare la sua avventura a Cagliari. In attesa, chissà, di qualche soddisfazione calcistica in più.

"Chiaramente fa piacere sapere che i top club si interessino a te, vuol dire che professionalmente sono riuscito a combinare qualcosa di buono" le parole in conferenza stampa. "Ho sempre pensato solo e soltanto al Cagliari: qui sono felice, è come se mi sentissi sardo anch'io. Mia moglie è di qui e parte della mia vita sarà sempre legata alla Sardegna. Voglio dare il massimo per questa squadra, la mia volontà è di restare al Cagliari".

Attraverso il sito ufficiale dei sardi, il belga invoca i fans: "Il Sant'Elia mezzo vuoto, con alcuni settori chiusi, non offriva certo una bell'atmosfera; speriamo che il nuovo stadio in costruzione a Quartu diventi una bolgia ogni domenica e che il pubblico riempia le tribune: il tifo dà sempre una marcia in più ad un calciatore".

Pochi cambi, sarà ancora lo stesso Cagliari: "Però partiamo con un Pinilla dall'inizio. Noi sappiamo quel che possiamo dare. Penso che per migliorare dobbiamo dare continuità alle nostre prestazioni. Questo vale anche per me: nella scorsa stagione sono andato un po' a corrente alternata".

Per la posizione in campo piena fiducia in mister Ficcadenti: "Il primo regista è Conti, un grandissimo calciatore. Per me quel che importa è giocare, ovunque mi schieri l'allenatore cerco di dare tutto me stesso. Sarà così anche quest'anno: mi auguro di poter dare ai tifosi qualche soddisfazione in più e che possiamo divertirci tutti quanti insieme".

Sullo stesso argomento